Ad Asola, provincia di Mantova, un uomo ha urinato, non curante della vicinanza a numerosi palazzi e della presenza di tanti passanti, in pieno giorno e in pieno centro. Un signore ha chiamato i carabinieri e questi ultimi hanno sanzionato l'uomo con una multa salatissima: 3.300 euro. Si trattava di un ragazzo italiano di 33 anni. Inutili le giustificazioni che ha tentato di fornire: i militari gli hanno confermato la multa. L'accusa è di atti osceni in luogo pubblico.

Un caso simile: un pensionato multato nel Comasco, a Cirimidio

Un episodio simile è accaduto qualche giorno fa nel Comasco, a Cirimidio. Protagonista, in questo caso, era un pensionato di 70 anni, ma la dinamica è stata praticamente la stessa. L'anziano ha fatto pipì lungo la strada, è stato sorpreso dagli agenti della polizia locale e questi ultimi lo hanno sanzionato con una multa, anche in questo caso, di 3.300 euro. "Non potevo aspettare un attimo di più", si è giustificato il signore. Anche in questo caso la sua spiegazione non ha convinto gli agenti, che gli hanno confermato la multa. Il commissario capo del comando intercomunale "Bassa piana comasca" Alessandro Casale, riporta la provincia di Como, "sostiene che se l'anziano avesse percorso soltanto dieci o venti metri in più sarebbe potuto entrare tranquillamente nel bosco vicino e allontanarsi dalla strada di Mezzo".

Un altro caso riguarda un ragazzo tedesco, sorpreso ad urinare contro un muro vicino a un commissariato di polizia in pieno centro a Bologna. In quel caso il ragazzo è stato sanzionato con un multa ancora più salata delle due precedenti: ben 5mila euro.