228 CONDIVISIONI

Entrano nella pizzeria di Flavio Briatore a Milano, rubano soldi e vino costoso: arrestati i quattro ladri

Sono stati arrestati i quattro ladri che la scorsa estate sono entrati nella pizzeria di Flavio Briatore “Crazy Pizza” di via Varese a Milano e avevano portato via contanti e vino pregiato: sono stati incastrati dalle telecamere di video sorveglianza della zona e del locale.
A cura di Giorgia Venturini
228 CONDIVISIONI
Immagine

Nel mirino dei ladri milanesi è finita anche la pizzeria via Varese "Crazy Pizza", che fa parte della catena di pizzerie di Flavio Briatore. Qui i malviventi hanno spaccato la vetrina e hanno preso 6mila euro in contanti dalla casa e più bottiglie di vino costoso. Ora per i responsabili, ovvero quattro uomini, è scattato l'arresto da parte degli agenti della Squadra Mobile di Milano. Dopo tutti gli accertamenti del caso i quattro facevano parte di una banda specializzata nelle "spaccate" alle vetrine di negozi e locali. Così come nel caso del "Crazy Pizza", i ladri avevano agito la scorsa estate anche in due punti vendita in via Durini, anche questi in centro città, Starbucks e Brian&Barry. In quest'ultimo negozio il bottino era stato di sette orologi dal valore di 8mila euro.

Nel locale di Flavio Briatore i ladri erano riusciti a portare via 6mila euro in contanti, dieci lampade da tavolo, bottiglie Magnum di Dom Perignon e di altro vino pregiato. Le immagini delle telecamere di sorveglianza, analizzate dagli agenti della Squadra mobile, hanno inquadrato uno dei quattro "nitidamente in volto". Altre telecamere, si legge negli atti d'inchiesta, hanno "inquadrato dei vistosi tatuaggi sulle gambe del complice che sono risultati fondamentali per l'identificazione di uno dei complici.

Qui i ladri si erano presentati in bicicletta e con una falcetta e tutti erano a volto scoperto. Hanno poi spaccato la vetrina e si sono catapultati nel locale dove si sono precipitati a prendere i soldi presenti in cassa. Poi la fuga. Ora per loro sono scattate le manette: si trovano in carcere dati anche i loro precedenti. Uno dei loro era ai domiciliari quando ha messo a segno i colpi.

228 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views