Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

Nessuna chiamata alle urne per la prossima primavera per i cittadini milanesi. A causa della pandemia da Covid, con ogni probabilità, riporta Repubblica, le elezioni Comunali verranno rimandate al prossimo ottobre. Una boccata d'aria per il centrodestra, ancora senza un candidato, e per il Movimento 5 stelle, nella stessa situazione dei rivali capitanati da Lega e Fratelli d'Italia. Situazione al momento che lascia indifferente il centrosinistra, forte della ricandidatura del sindaco uscente Beppe Sala, ancora senza competitor per la corsa a Palazzo Marino che potrebbe però trovare nei grilli un alleato a sorpresa qualora si trovassero punti di incontro certi.

Centrodestra senza un candidato

Lo scenario è quello scongiurato dal sindaco in carica Beppe Sala, che in una recente dichiarazione auspicava un normale svolgimento delle elezioni entro i tempi dettati dalla legge, ovvero al termine di quello che si augura essere il suo primo mandato ma non l'ultimo. La decisione di ricandidarsi, arrivata dopo un lungo prendere tempo, ha comunque colto impreparato il centrodestra che, all'alba delle eventuali elezioni primaverili, resta ancora senza un candidato. Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia, infatti, non si sono ancora messe d'accordo sul nome da sostenere per la corsa a Palazzo Marino.

Gli ultimi sondaggi: Sala avanti di dieci punti

La posizione di Sala, saldo al comando, testimonierebbe una percentuale di gradimento pari al 47 per cento. Il centrodestra, in attesa di un nome forte e credibile per cercare di minare la corsa dell'attuale primo cittadino, si attesta sul 37 per cento mentre ben più distaccati ci sono i 5 stelle con appena il 6 per cento. Percentuale bassa, ma in zona di comfort, per la sinistra di Milano in Comune, che si aggira attorno al 4.5 per cento. Questa la situazione attuale stando ad un sondaggio di Bimedia, che vede nel Pd il primo partito con il 20 per cento del totale.