35.335 CONDIVISIONI
News su Diana, la bimba di 18 mesi morta a Milano
22 Luglio 2022
10:22

Dove ha detto Alessia Pifferi di aver lasciato la bimba di 16 mesi che è morta in casa di stenti

Al compagno aveva detto che la piccola Diana era al mare e non a casa da sola. Questa la versione raccontata dalla madre, ora in carcere con l’accusa di omicidio.
A cura di Giorgia Venturini
35.335 CONDIVISIONI
Alessia Pifferi
Alessia Pifferi (foto da Facebook)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News su Diana, la bimba di 18 mesi morta a Milano

Doveva essere al mare con la zia la piccola Diana. O almeno così aveva detto la 36enne Alessia Pifferi al compagno Mario D’Ambrosio che aveva raggiunto sette giorni fa. Invece la figlia di 16 mesi era a casa da sola: abbandonata nel suo letto con un po' di latte a fianco. Null'altro.

Dopo sei giorni la piccola  è morta di stenti. "Sapevo che poteva andare così", ha confessato al pubblico ministero di Milano Frencesco De Tommasi che indaga sull'accaduto.

La donna, durante l'interrogatorio, non ha mai pianto e non si è mai disperata davanti agli inquirenti. Ma avrebbe precisato: "Già altre volte l’avevo lasciata da sola nei fine settimana ed era sopravvissuta".

L'accusa di omicidio volontario

Alessia Pifferi resta in carcere in attesa della convalida del fermo: è accusata di omicidio volontario pluriaggravato dai futili motivi e dalla premeditazione. Mancano ancora da capire tutti i particolari: certo è che la donna ha trovato la piccola morta nella sua casa di via Parea 15/20 nel quartiere Ponte Lambro di Milano.

Ma una volta in casa la piccola era già morta: una volta arrivati i soccorsi in casa i medici non hanno potuto far altro che accertare il decesso.

La piccola era nata in casa

Dagli ulteriori accertamenti è emerso che la donna avrebbe avuto una relazione clandestina di cui nessuno conosceva la sua esistenza: infatti la piccola non era stata avuta dalle relazioni durature passate della donna. Agli investigatori la donna ha detto di non essersi resa conto di essere rimasta incinta e di aver partorito in casa senza aver informato il padre.

La piccola non aveva un pediatra ed era nata in casa: qui i dubbi che non fosse stata registrata all'anagrafe. Al momento però risulta che non era segnalata ai Servizi Civili.

35.335 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni