"Abbiamo 4.959 positivi in tutta la Regione, 2.306 a Milano e provincia, 197 ricoverati e 213 in terapia intensiva. I numeri sono ampi: calano i ricoverati, crescono le terapie intensive. Noi abbiamo un numero ampissimo di tamponi, siamo quasi a 33mila oggi". Lo ha detto l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, a Tgcom24, anticipando i dati del bollettino di oggi, sabato 24 ottobre, con i numeri relativi all'emergenza Coronavirus in Lombardia.

Secondo quanto riportato dalla Regione, nelle ultime 24 ore sono stati segnalati quindi 4.959 nuovi contagi da Covid-19 su 32.749 tamponi effettuati per una percentuale pari al 15,1%. Ieri il dato era di 4.916 positivi su quasi 37mila tamponi. Per quanto riguarda i decessi, da ieri sono stati registrati 51 morti (ieri erano 7). Da febbraio, stando ai dati ufficiali, sono 17.210 i cittadini deceduti ufficialmente per Covid-19 nella sola Lombardia. In totale nella regione sono stati effettuati 2.680.430 tamponi da inizio pandemia.

I dati del bollettino della Lombardia

Continua a salire a ritmi preoccupanti il numero dei pazienti ricoverati in ospedale e in terapia intensiva. Con l'aumentare dei contagi aumentano infatti cresce anche la pressione sugli ospedali della rete regionale. Nelle ultime 24 ore il numero dei degenti è aumentato ancora: 2.153 sono ricoverati con sintomi lievi (più 140), mentre altri 213 sono i pazienti in terapia intensiva, da ieri aumentati di 29 unità. Cresce anche il numero dei guariti, ora arrivato a 88.706 (più 170).

Il conteggio dei contagi nelle province lombarde

Per quanto riguarda la distribuzione dei contagi nelle province lombarde, ancora altissimi i dati di Milano, con 2.306 nuovi casi di cui 1.010 a Milano città. Segue la provincia di Monza e Brianza, dal cui territorio vengono segnalati 625 casi. A Varese si registrano 508 nuove positività. Sono 303 gli infetti nella provincia di Pavia, 309 i nuovi contagi nella provincia di Brescia, mentre nella vicina Bergamo sono 57. I nuovi casi di Coronavirus nel territorio di Como sono 108. Sono 117 i nuovi contagi nella provincia di Lecco, 124 nella provincia di Cremona, 150 a Mantova, 86 in quella di Lodi, così come in quella di Sondrio.

Pressione sull'Areu, 112 in tilt e ambulanze bloccate

Che la situazione fosse critica si era capito non solo dall'aumento dei contagi e dei ricoveri, ma anche dalla pressione a cui il centralino dell'Areu (Azienda emergenza urgenza della Lombardia) sta facendo fronte. Le numerose chiamate di persone con sintomi o presunti tali da Covid, sommate alle emergenze normali, hanno mandato in tilt il 112 che non ha più potuto evadere le domande di soccorso. Molteplici i motivi: il sovraccarico è dovuto sicuramente ad una nuova "ondata" di chiamate al numero unico, ma anche alla limitata possibilità di mezzi da inviare. Molti di questi infatti sono costretti nei vari pronto soccorso ad attendere di "scaricare" il paziente prima di potersi dedicare ad un altro bisognoso. Per lunedì 26 ottobre sono attesi nuovi messi che diano una mano.

Torna il Coronavirus nel Pio Albergo Trivulzio

Nel frattempo sono tornati anche i contagi all'interno del Pio Albergo Trivulzio per i quali il virologo Fabrizio Pregliasco ha però detto che "non esiste il rischio zero". Questo perché "il virus circola e l'averlo scoperto isolato fra pazienti e dipendenti dell'istituto dimostra la grande azione di controllo e verifica. Considerando tutte le strutture del Pat, sono stati trovati 14 ospiti e sei operatori positivi al Covid. Gli individui sono stati trovati contagiati a seguito di una forte campagna di screening avviata dal Pio Albergo Trivulzio dove da dieci giorni su 141 pazienti ricoverati nelle cure intermedie sono stati effettuati 223 tamponi. Di questi, solo undici sono risultati positivi e sono stati trasferiti in ospedale.