La marijuana recuperata dai carabinieri
in foto: La marijuana recuperata dai carabinieri

Avevano due chili di marijuana nascosti sotto il sedile della loro auto. Ed è per questo motivo che due ragazzi di 26 e 28 anni, entrambi di Milano e con precedenti per droga, nella serata dello scorso venerdì 5 marzo hanno cercato di sfuggire a un controllo dei carabinieri, dando vita a un breve inseguimento che non ha però evitato loro l'arresto.

La droga era nascosta sotto il sedile del passeggero

La vicenda, riportata oggi dall'Arma in una nota, è avvenuta a Cernusco sul Naviglio, nell'hinterland di Milano. Lo scorso venerdì i due giovani sono passati in auto incrociando una pattuglia della locale compagnia dei carabinieri. Alla vista della gazzella il conducente della vettura ha improvvisamente accelerato: manovra che non è passata inosservata all'equipaggio dei carabinieri, che si è messo subito all'inseguimento dei due. Il tentativo di fuga dei due giovani a bordo della loro utilitaria è però durato solo un chilometro: poco prima dell'uscita per l'autostrada A51, la Tangenziale Est di Milano, i carabinieri sono riusciti a bloccare i due fuggitivi. I militari dell'Arma hanno proceduto all'identificazione dei due passeggeri, scoprendo così i loro precedenti in fatto di droga. Poi hanno proceduto a un controllo della vettura, che ha permesso di scoprire due buste piene di marijuana nascoste sotto il sedile del passeggero, per un totale di due chili di droga. Per i due giovani è così scattato l'arresto in flagranza per detenzione di sostanze stupefacenti. Ieri si è svolto il processo per direttissima nei confronti dei due al tribunale di Milano: per entrambi sono stati disposti gli arresti domiciliari.