1.934 CONDIVISIONI
Opinioni
Mamma e figlia uccise in casa a Samarate: fermato il padre
5 Maggio 2022
19:46

Alessandro Maja, un narcisista che ha sterminato la famiglia per timore di perderne il controllo

Chi è davvero Alessandro Maja, arrestato per aver ucciso la moglie e la figlia e aver ferito gravemente l’altro figlio? Un narcisista che ha sterminato la famiglia perché non accettava di perdere il dominio su di essa.
A cura di Anna Vagli
1.934 CONDIVISIONI
Stefania Pivetta (56 anni), Giulia Maja (16) e Alessandro Maja (57)
Stefania Pivetta (56 anni), Giulia Maja (16) e Alessandro Maja (57)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Mamma e figlia uccise in casa a Samarate: fermato il padre

Ennesima strage familiare. Ennesima furia omicida che si scatena all’interno delle mura domestiche. Il protagonista di questa cronaca di sangue si chiamaAlessandro Maja, 57enne ed affermato architetto conosciuto a livello nazionale e internazionale. Le sue vittime vanno invece sotto il nome ed il cognome di Stefania Pivetta, la moglie, Giulia Maja,  la figlia di 16 anni,  e Nicolò Maja il figlio di 23 anni. Le prime due morte per mano del primo, l’altro ridotto in gravissime condizioni. Tutti colpiti, forse dopo essere stati narcotizzati, con un martello. Secondo quanto preliminarmente emerso a scatenare l’ira pluriomicida dell’uomo sarebbe stata la volontà di separarsi avanzata della moglie.

Frasi come “non accettava di essere lasciato” “era una persona tranquilla, insospettabile” portano a domandarsi se sia possibile uccidere per il troppo amore o se possa esistere una gelosia capace di annientare il senso di realtà. La risposta è negativa e forse anche ovvia. Andando per deduzione logica è chiaro come nessun tipo d’amore, che possa effettivamente catalogarsi come tale, si manifesti e rivendichi il proprio diritto di esistere attraverso la violenza. In qualunque forma essa si manifesti.

“Vi ho ucciso tutti, bastardi”. È una frase agghiacciante che però descrive pienamente che cosa è accaduto e ci racconta chi è davvero l’architetto Maja. Quest’ultimo, seppur non abbia confessato, mostra spiccati tratti narcisistici che lo hanno verosimilmente  indotto ad agire con una ferocia inaudita.  Lo ha fatto approfittando della condizione di minorata difesa nella quale versavano i componenti della sua famiglia. Difatti, almeno apparentemente, dormivano.

Ma vi è di più.  Stando ad alcune indiscrezioni, non sarebbero visibili lesioni da difesa sui corpi martorizzati. E questo è un dato non trascurabile e capace di insinuare il dubbio che l’uomo possa averli addirittura narcotizzati.

Avvalorando ancor di più l’ipotesi della premeditazione. Maja ha progettato nel dettaglio quando e come colpire. E lo ha fatto nel più barbaro dei modi. Ha utilizzato un martello. Scegliendo, quindi, di elevare quell’attrezzo ad ultimo baluardo per mantenere un minimo di autostima nella sua meschina esistenza.

Niente a che fare con i sentimenti. Alessandro ha inveito nei confronti della sua famiglia perché non accettava di perdere il dominio ed il controllo sulla moglie e, di conseguenza, sui figli. La vita di questi ultimi, nella sua visione distorta, era solo un mezzo per riempire i suoi bisogni ed il suo ego. Di conseguenza, una volta disgregato il nucleo familiare per mano della moglie, nessuno poteva esser più considerato a suo avviso degno di vivere. Tutto perché da quel momento in poi sarebbe stato costretto ad abdicare il ruolo di dominatore. A ciò, inoltre, si sarebbe aggiunta l’umiliazione pubblica derivante della decisione della moglie di separarsi.

In questo dramma, come ultimo colpo di teatro, l’affermato architetto ha concretizzato un timido tentativo di suicidio. Un tentativo per simulare una situazione mentale compromessa ed aprire la strada ad un’ipotetica perizia psichiatrica? Tutto è possibile. Anzi, appare un’ipotesi concreta dal momento che, allo stato attuale, si è avvalso della facoltà di non rispondere.Da tutti descritto come un padre amorevole che aveva costruito negli anni la famiglia del mulino bianco. Ma le famiglie perfette e fiabesche non esistono neppure nei film. E questa terribile pagina di cronaca ne è l’ennesima conferma.

1.934 CONDIVISIONI
Dottoressa Anna Vagli, giurista, criminologa forense, giornalista- pubblicista, esperta in psicologia investigativa, sopralluogo tecnico sulla scena del crimine e criminal profiling. Certificata come esperta in neuroscienze applicate presso l’Harvard University. Direttore scientifico master in criminologia in partnership con Studio Cataldi e Formazione Giuridica
L'avvocato dei nonni di Nicolò:
L'avvocato dei nonni di Nicolò: "Alessandro Maja non ha mai cercato di mettersi in contatto con noi"
Torna in carcere Alessandro Maja.
Torna in carcere Alessandro Maja. "Ha saputo del figlio uscito dal coma e ha sorriso"
Nicolò, unico sopravvissuto alla strage di Samarate, è uscito dal coma:
Nicolò, unico sopravvissuto alla strage di Samarate, è uscito dal coma: "Ha aperto un occhio e muove le dita"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni