2.407 CONDIVISIONI
Mamma e figlia uccise in casa a Samarate: fermato il padre
6 Maggio 2022
12:52

Alessandro Maja, l’uomo accusato di aver ucciso moglie e figlia, torna in ospedale: è in Psichiatria

“Le sue condizioni non sono compatibili con la detenzione”: a dirlo sono gli avvocati di Alessandro Maja, l’uomo accusato di aver ucciso la moglie e la figlia di 16 anni.
A cura di Ilaria Quattrone
2.407 CONDIVISIONI
Alessandro Maja (57 anni)
Alessandro Maja (57 anni)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Mamma e figlia uccise in casa a Samarate: fermato il padre

È stato trasferito dal carcere di Monza nel reparto di Psichiatra dell'ospedale San Gerardo: le condizioni di Alessandro Maja, come riferiscono i suoi avvocati Enrico Milani e Sabrina Lamera, non sarebbero "compatibili con la detenzione". L'uomo  – accusato dell'omicidio della moglie e della figlia e del tentato omicidio del figlio 23enne – doveva essere sottoposto nella giornata di oggi, venerdì 6 maggio, all'interrogatorio di garanzia davanti al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Busto Arsizio. Considerato il trasferimento in ospedale e a causa delle sue condizioni, l'interrogatorio è stato rimandato.

Maja è stato portato in Psichiatria

Appena l'ospedale comunicherà che Maja potrà sostenere l'interrogatorio, il gip lo fisserà. "Non abbiamo avuto ancora modo di poter parlare con il nostro assistito – spiega l'avvocato Milani -. Non so se lo potremo fare oggi: sentiremo l'ospedale, se l'ospedale ci dirà di poter comunque tentare un colloquio andremo questo pomeriggio". L'uomo, fin dal suo primo ricovero, sarebbe stato sotto sedativi e quindi impossibilitato ad avere un colloquio approfondito. Non è ancora noto il motivo per cui l'uomo è stato portato in Psichiatra: "La comunicazione è arrivata in Tribunale ieri, in tarda serata".

Stefania Pivetta (56 anni) e Giulia Maja (16) trovate morte nella loro casa a Samarate
Stefania Pivetta (56 anni) e Giulia Maja (16) trovate morte nella loro casa a Samarate

Il giudice non si è ancora espresso sul fermo

Oggi durante l'udienza di convalida del fermo di iniziati, il pubblico ministero ha richiesto la custodia cautelare in carcere. Il giudice per il momento non si è ancora pronunciato sul fermo. Relativamente ai dettagli emersi nelle ultime ore e in particolare modo alle notizie circa una separazione, gli avvocati sostengono di non volersi esprimere finché non parleranno con Maja.

2.407 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni