19 CONDIVISIONI
Conflitto Israelo-Palestinese

Le notizie del 29 novembre sulla guerra tra Israele e Hamas

19 CONDIVISIONI

 Oggi nuovo rilascio di ostaggi israeliani da parte di Hamas che però ha annunciato la morte del più piccolo degli ostaggi israeliani, Kfir Bibas di 10 mesi. Qatar: "Ottimisti su proroga del cessate il fuoco". Secondo l'ultimo accordo stipulato tra Israele e Hamas reso noto dal Qatar, ogni giorno di proroga della tregua prevede la liberazione di 10 ostaggi israeliani e di 30 prigionieri palestinesi. Tel Aviv: "La tregua  potrà essere estesa non oltre domenica". Casa Bianca: altri 200 camion di aiuti entrati a Gaza.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto Israelo-Palestinese
29 Novembre
22:52

Blinken insiste: "Prolungare la tregua a Gaza"

Il segretario di Stato americano Antony Blinken, prima di lasciare Skopje diretto in Israele, ha detto che si concentrerà sull'estensione nella tregua e nella pausa dei combattimenti a Gaza, "in modo da poter continuare a liberare più ostaggi e consentire più aiuti umanitari". "Vorremmo vedere un prolungamento della tregua poiché ciò ha consentito innanzitutto il rilascio degli ostaggi e il loro ricongiungimento con le famiglie". "Abbiamo potuto anche aumentare gli aiuti umanitari alla popolazione di Gaza che ne ha disperatamente bisogno", ha sottolineato.

A cura di Biagio Chiariello
29 Novembre
22:40

Hamas: "Nessun passo avanti per prolungare la tregua"

"Gli sforzi per estendere la tregua non sono ancora maturati", e l'offerta da parte israeliana "non la riteniamo degna di studio". Lo ha detto Osama Hamdan, alto funzionario di Hamas in Libano, al canale di Hezbollah Al-Madayeen, ripreso da Times of Israel. Se non sarà raggiunto un accordo per una seconda proroga, la tregua scadrà domani mattina.

A cura di Biagio Chiariello
29 Novembre
22:20

Esercito: "10 ostaggi israeliani e 4 stranieri diretti verso Israele"

L'esercito israeliano ha annunciato "sulla base di informazioni ricevute dalla Croce Rossa" che 10 ostaggi israeliani e 4 thailandesi sono sulla strada "verso il territorio di Israele".

A cura di Biagio Chiariello
29 Novembre
21:24

Fonte Israele: "Ritardo tecnico in rilascio degli ostaggi"

Il ritardo nel rilascio degli ostaggi previsto per oggi "è puramente tecnico. La liberazione avverrà". Lo ha detto una fonte israeliana, citata da Ynet.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
21:17

Ex ostaggio thailandese racconta: "Gli israeliani venivano picchiati"

Un thailandese che era stato catturato da Hamas e liberato nei giorni scorsi ha riferito a Channel 12, ripreso da Haaretz, che gli ostaggi israeliani che erano con lui "venivano trattati molto rudemente, a volte venivano picchiati" dai loro carcerieri, "anche con i cavi elettrici". L'uomo ha inoltre raccontato che in prigionia c'era poco da mangiare per gli ostaggi: una pita al giorno, a volte un po' di tonno da dividere in quattro, o un pezzo di formaggio. In sette settimane nelle mani di Hamas, gli è stato consentito di fare la doccia una sola volta.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
21:06

Netanyahu: "Espanderemo gli insediamenti"

"Stasera verrà posta nella Striscia di Gaza la prima pietra dell'insediamento ‘Ofir', che prende il nome dall'ex capo del Consiglio della Porta del Negev, il defunto Ofir Liebstein, assassinato da Hamas. Ofir era un leader, un uomo della Terra di Israele. Qui cresceranno bambini e ragazze che verranno istruiti sul suo contributo, sul suo eroismo e sul suo sacrificio. Ripristineremo gli insediamenti, espanderemo gli insediamenti e aggiungeremo altri insediamenti".
Lo scrive il premier israeliano, Benjamin Netanyahu.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
20:30

Qatar a Onu: "Momento di adottare misure reali verso pace globale"

"L'attuale violenza obbliga noi, e soprattutto il Consiglio di Sicurezza, a non permettere che la situazione continui. È giunto il momento di adottare misure reali verso una pace globale". Lo ha detto il premier del Qatar Seikh Mohammed bin Abdulrahman Al-Thani alla riunione del Consiglio di sicurezza dell'Onu su Gaza e la guerra tra Israele e Hamas.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
20:24

Israele: "Ancora 159 ostaggi nelle mani di Hamas a Gaza"

Gli ostaggi ancora nelle mani di Hamas a Gaza sono 159. Lo ha detto il portavoce militare Daniel Hagari. Lo stesso ha poi detto che l'esercito continua ad indagare sulla sorte dei due piccoli Bibas e della loro madre di cui le Brigate al Qassam hanno annunciato la morte.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
19:59

Netanyahu: "Parlato con famiglia Bibas del piccolo Kfir"

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha avuto un colloquio telefonico con la famiglia Bibas. Lo riferisce l'emittente N12 dopo che le Brigate al-Qassam, braccio armato di Hamas, hanno riferito della morte di Shiri Bibas e dei suoi bambini di dieci mesi e quattro anni presi in ostaggio durante un raid israeliano sulla Striscia di Gaza.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
19:41

Madre e figlia russe liberate da Hamas come "tributo a Putin"

Le due donne ostaggio con nazionalità russa liberate oggi da Hamas come "tributo" al presidente russo Vladimir Putin sono la 50enne Elena Trupanov e la madre Irena Tatti, 73. Lo riferisce Haaretz. Trupanov e Tatti sono state rapite dal Kibbutz Nir Oz assieme al figlio di Elena, Sasha e la sua fidanzata Sapir Cohen.  Il marito di Elena Trupanov, Vitaly, è stato ucciso da Hamas durante l'attacco del 7 ottobre.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
19:32

12 ostaggi israeliani arrivati al valico di Rafah

Gli addetti alla sicurezza egiziana e alla Croce Rossa Internazionale sono arrivati con 12 ostaggi consegnati oggi da Hamas al valico di Rafah, in Egitto in arrivo dalla Striscia di Gaza. Sono attualmente in corso le procedure per gli esami medici e il loro trasferimento dal valico di Rafah a quello di Kerem ben Salem, protetti da uno stretto cordone di sicurezza. Secondo la tv di Stato egiziana Al Qahera, del sesto gruppo di ostaggi liberti fanno parte 5 bambini e 7 donne, tutti israeliani. Tra loro anche le due donne con doppia cittadinanza israeliana e russa.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
18:50

Gallant: "Pronti a riprendere i combattimenti"

Il ministro della Difesa israeliano, Yoav Gallant, ha detto, durante una valutazione della situazione insieme ai capi dell'establishment della sicurezza israeliana, che Israele "sta facendo tutto ciò che è in suo potere per restituire tutti gli ostaggi" detenuti da Hamas a Gaza. Gallant ha aggiunto che l'esercito israeliano è "pronto a riprendere immediatamente i combattimenti".

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
18:29

Famiglia di Kfir Bibas: "Speriamo solo che Israele smentisca Hamas"

Ariel, Kfir e la madre.
Ariel, Kfir e la madre.

La famiglia Bibas afferma di essere stata informata dell'annuncio di Hamas secondo cui tre membri della famiglia – la madre Shiri e i figli Ariel, 4 anni, e Kfir, 10 mesi – presi in ostaggio dal gruppo terroristico sono stati uccisi. "Stiamo aspettando che le informazioni siano confermate e speriamo vengano smentite dai funzionari militari", afferma la famiglia in una nota come riporta il Times of Israel. "Ringraziamo il popolo di Israele per il suo caloroso sostegno, ma chiediamo gentilmente la privacy durante questo momento difficile", conclude la nota.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
18:22

Guterres: "111 membri personale Onu uccisi da inizio guerra"

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha dichiarato che 111 membri del personale Onu sono stati uccisi nella Striscia di Gaza dall'inizio della guerra tra Israele e il movimento integralista palestinese Hamas, a ottobre. "Dall'inizio delle ostilità, 111 membri della nostra famiglia Onu sono stati uccisi a Gaza. Si tratta della più grande perdita di personale nella storia della nostra organizzazione", ha dichiarato Guterres durante una riunione del Consiglio di Sicurezza. Il 7 ottobre, Hamas ha lanciato un attacco missilistico a sorpresa su larga scala contro Israele dalla Striscia di Gaza e oltre il confine, uccidendo e prendendo in ostaggio persone.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
18:16

Al Arabiya: "Su negoziati tregua pesa la notizia morte di Kfir"

"Sui negoziati tra Israele e Hamas per estendere la tregua a Gaza pesa l'affermazione non confermata di Hamas secondo cui una famiglia di ostaggi israeliani, tra cui un bambino di 10 mesi, sarebbe stata uccisa". Lo scrive su X Al Arabiya riferendosi alla notizia della morte del piccolo Kfir Bibas, di 10 mesi, del suo fratellino di 4 anni e della loro mamma.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
18:00

A Tel Aviv la gente spera che la morte di Kfir sia falsa

C'è attesa nella ‘piazza degli ostaggi' a Tel Aviv tra la gente che aspetta di avere notizie certe sulla sorte del piccolo ostaggio Kfir Bibas, il bimbo di 10 mesi di cui Hamas ha annunciato la morte a causa di un bombardamento israeliano insieme al fratellino Ariel e alla mamma Sherry.

"La gente qui prende la notizia con trepidazione e vuole assicurarsi che sia confermata" perché in precedenza ci sono state notizie di prigionieri uccisi che poi si sono rivelate false, riporta Al Jazeera. "Alcuni – afferma l'emittente qatariota – pensano che l'annuncio di Hamas possa essere un modo per spingere ad una proroga della tregua".

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
17:44

La Francia esorta Israele a porre fine alle violenze dei coloni

La Francia torna a condannare le violenze perpetrate da coloni estremisti israeliani nei confronti di palestinesi della Cisgiordania e lancia un forte appello a Israele affinché "ponga un termine" a queste violenze e sanzioni i responsabili dinanzi alla giustizia. "Ribadiamo la nostra condanna molto netta di queste violenze e la nostra preoccupazione dinanzi all'aumento di queste violenze", ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri della Francia, Anne-Claire Legendre, invitando Israele "a porvi fine". Parigi chiede inoltre a Israele di assicurare alla giustizia "gli autori di queste violenze". Per la rappresentante del Quai d'Orsay, questi fatti "sono profondamente destabilizzanti per la regione e minano le prospettive di una soluzione a due Stati". Alla domanda se la Francia fosse pronta ad adottare eventuali sanzioni contro individui o gruppi di coloni, Legendre ha detto che Parigi non esclude "alcuna opzione".

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
17:34

Usa all'Onu: "Tregua a Gaza barlume di speranza"

"Siamo al sesto giorno di pausa umanitaria a Gaza. Una pausa che, nel mezzo dell'oscurità del conflitto messo in moto da Hamas, è stata un barlume di speranza". Lo ha detto l'ambasciatrice americana all'Onu Linda Thomas-Greenfield durante la riunione del Consiglio di Sicurezza. "Vogliamo vedere questa pausa umanitaria prolungata, Israele si è detto disponibile, quindi la palla e' nel campo di Hamas", ha aggiunto, ribadendo che rimane il rischio di una escalation del conflitto nella regione, e che gli Stati Uniti non vogliono vedere un conflitto in Libano.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
17:29

Cnn: "Oggi dovrebbe essere liberato almeno un americano"

Almeno un ostaggio americano dovrebbe essere liberato oggi a Gaza. Lo riferiscono una fonte israeliana e un'altra persona informata alla Cnn. Sono ancora una decina gli statunitensi nelle mani di Hamas.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
17:22

Qatar: "Si negozia anche il rilascio degli ostaggi uomini"

I negoziati "si stanno muovendo verso il rilascio dei civili uomini" in ostaggio a Gaza. Lo ha detto alla Cnn il portavoce del ministero degli Esteri del Qatar, Majed Al-Ansari. "I nostri negoziati su donne e bambini occupano una posizione preminente nelle discussioni, ma ovviamente ci stiamo muovendo verso il rilascio dei civili uomini", ha detto Al-Ansari. Si stanno inoltre portando avanti discussioni più lunghe riguardo alla liberazione dei soldati israeliani che sono ostaggio di Hamas, insieme alla prospettiva di una "tregua più lunga" che potrebbe "portare a un cessate il fuoco", secondo Al-Ansari. Il portavoce del Qatar non ha confermato se ci siano ostaggi americani sulla lista di coloro che saranno rilasciati oggi.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
17:11

Cina: "Ripresa combattimenti Gaza rischia di divorare la regione"

"La ripresa dei combattimenti tra Israele e Hamas porterebbe probabilmente a un disastro che potrebbe travolgere e divorare la regione". L'avvertimento è arrivato dal ministro degli Esteri cinese Wang Yi durante la riunione del Consiglio di Sicurezza Onu su Gaza, il quale ha ribadito la speranza che l'attuale tregua porti ad un cessate il fuoco.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
17:06

Funzionario Israele: "Hamas ha ostaggi per tregua 3 giorni"

Israele ritiene che Hamas abbia abbastanza donne e bambini in ostaggio da consentire di prolungare l'attuale pausa nei combattimenti a Gaza di altri due o tre giorni. Lo ha detto un funzionario coinvolto nel processo negoziale, come rilanciato da Haaretz. "Sappiamo per certo che tra donne e bambini Hamas ha nelle sua mani ostaggi per almeno altri due, forse tre giorni ", ha detto la fonte.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
16:59

Israele: "L'ideologia genocida di Hamas deve essere sradicata"

È il momento che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite agisca "prima che un'altra atrocità sia commessa". Lo ha detto l'ambasciatore israeliano all'Onu Gilad Erdan, ripetendo come un mantra le sue critiche all'organo delle Nazioni Unite per non aver condannato gli attacchi di Hamas del 7 ottobre. "Hamas è un'organizzazione terroristica con un'ideologia genocida", ha aggiunto: "Gli aiuti umanitari sono molto importanti ma non ci porteranno vicino a una soluzione. Nulla può cambiare un'ideologia genocida, deve essere eliminata e sradicata". Erdan ha poi ribadito il paragone tra Hamas a Hitler e la sua volontà di una "soluzione finale".

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
16:33

Hamas annuncia: "Rilasciate due donne russe"

Le Brigate Ezzedin Al Qassam, l'ala militare di Hamas, hanno annunciato di aver liberato due donne con cittadinanza russa. Lo riporta Haaretz.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
16:28

Egitto: "Verso prolungamento della tregua di 2 giorni"

Si va verso un prolungamento della tregua a Gaza di altri 2 giorni, lo comunicato fonti diplomatiche egiziane. Secondo Fonti della sicurezza egiziana, infatti, "le trattative stanno andando bene, il numero degli ostaggi da liberare è ancora in corso di definizione ma si prevede che la tregua possa essere prolungata di altri due giorni"

A cura di Antonio Palma
29 Novembre
16:27

Palestina all'Onu: "La carneficina a Gaza deve finire"

"La tregua deve diventare un cessate il fuoco permanente. Il massacro non può riprendere, questa non è una guerra, è una carneficina che nessuno può giustificare e deve finire". Lo ha detto il ministro degli Esteri palestinese Riyad Al-Maliki alla riunione del Consiglio di Sicurezza Onu.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
16:16

Cinque neonati palestinesi sono stati lasciati morire da Israele in ospedale a Gaza

Cinque bambini palestinesi nati prematuri sono stati lasciati morire nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale pediatrico Al-Nasr di Gaza: tutti i medici e gli infermieri della struttura erano stati obbligati ad andarsene dall’esercito israeliano.

A cura di Ida Artiaco
29 Novembre
16:15

Guterres: "A Gaza serve un vero cessate il fuoco umanitario"

"La popolazione di Gaza si trova nel mezzo di un'epica catastrofe umanitaria davanti agli occhi del mondo. Non dobbiamo distogliere lo sguardo". Lo ha detto il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres alla riunione del Consiglio di Sicurezza. "Sono in corso intensi negoziati per prolungare la tregua, cosa che accogliamo con grande favore, ma serve un vero cessate il fuoco umanitario – ha aggiunto, "e muoversi in modo determinato e irreversibile verso la soluzione a due Stati. Il fallimento condannerà palestinesi, israeliani, la regione e il mondo a un ciclo infinito di morte e distruzione". Il capo delle Nazioni Unite Guterres ha affermato inoltre che devono essere indagate e perseguite con rigore le violenze sessuale denunciate durante gli attacchi di Hamas del 7 ottobre

A cura di Antonio Palma
29 Novembre
15:57

Netanyahu: "Israele tornerà a combattere fino alla fine"

"Dall'inizio della guerra, mi sono posto tre obiettivi: l'eliminazione di Hamas, il ritorno di tutti i nostri rapiti e la garanzia che Gaza non costituisca mai più una minaccia per Israele. Questi tre obiettivi rimangono in vigore. Nell'ultima settimana abbiamo raggiunto un risultato molto grande: il ritorno di molte dozzine dei nostri rapiti. Una settimana fa sarebbe sembrato immaginario, ma ce l'abbiamo fatta. Ma negli ultimi giorni sento una domanda: dopo che questa fase di ritorno dei nostri rapiti sarà finita Israele tornerà a combattere? La mia risposta è un inequivocabile sì. Non esiste alcuna possibilità che non si torni a combattere fino alla fine. Questa è la mia politica, l'intero governo la sostiene, i soldati la sostengono, le persone la sostengono: questo è esattamente ciò che faremo"

A cura di Antonio Palma
29 Novembre
15:42

Qatar ottimista su proroga del cessate il fuoco a Gaza

Il Qatar è ottimista su una proroga del cessate il fuoco a Gaza. "Speriamo che entro un paio d'ore avremo il rilascio dell'ultimo gruppo di ostaggi ma saremo anche in grado di annunciare un'estensione della tregua" ha dichiarato alla Cnn il portavoce del ministero degli Esteri del Qatar, dottor Majed Al-Ansari. "Siamo molto ottimisti sul fatto che avremo buone notizie da condividere oggi", ha aggiunto. Affermando che i negoziati sono in corso, il dottor Al-Ansari ha aggiunto che qualsiasi nuova estensione rispetterà gli stessi parametri degli accordi precedenti. “Abbiamo dato la priorità a coloro che sono più a rischio tra gli ostaggi, ovvero donne e bambini che hanno avuto la massima importanza. Ci stiamo muovendo verso il rilascio degli uomini civili e poi verso discussioni più lunghe riguardo ai soldati” ha aggiunto.

A cura di Antonio Palma
19 CONDIVISIONI
617 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views