0 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Intelligenza artificiale (IA)

Le notizie dal 22 al 28 aprile sull’intelligenza artificiale: inizia l’era degli algoritmi italiani

La rassegna settimanale dal 22 al 28 aprile sulle ultime notizie dal mondo dell’Intelligenza artificiale. Fra disegni di legge e ricerche scientifiche questa settimana il dibattito sull’inteligneza artificiale ha avuto un nuovo protagonista: l’Italia.
A cura di Valerio Berra
0 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

La notizie sull’intelligenza artificiale sono così tante che sembrano prodotte dall’intelligenza artificiale stessa. Per fare ordine in questo flusso di informazioni abbiamo preparato una rassegna stampa con tutte le notizie più importanti della settimana tra il 22 e il 28 aprile. Questa volta partiamo dall’Italia: il Consiglio dei Ministri ha approvato il primo disegno di legge sull’intelligenza artificiale.

Approvata la strategia dell’Italia per l’intelligenza artificiale

Il 23 aprile il Consiglio dei Ministri ha approvato il primo disegno di legge in cui viene definita la strategia italiana all’intelligenza artificiale. Gli obiettivi di questa proposta sono due. La prima è rendere operativo l’Ai Act, il regolamento approvato dal Parlamento Europeo.

Il secondo è quello di definire una strategia di investimenti per rendere l’Italia più competitiva nel settore. Per adesso parliamo di un piano da un miliardo di euro. Basteranno?

Nasce Minerva, l’intelligenza artificiale costruita in Italia

I laboratori dell’Università La Sapienza hanno annunciato questa settimana la nascita di Minerva, una serie di modelli di intelligenza artificiale allenati solo con testi italiani. Sono servite oltre 500 miliardi di parole per crearli. Su Fanpage.it abbiamo intervistato Roberto Navigli, coordinatore del coordinatore del Sapienza Natural Language Processing Group.

Il grande disastro di Meta AI

Meta AI è l’intelligenza artificiale di Meta. In Italia non l’abbiamo ancora vista ma in altre parti del mondo è già stata integrata alle piattaforme gestite dal gruppo. Un dato da poco, visto che la base di utenti a cui si rivolge è di miliardi di persone.

Questa settimana Mark Zuckerberg, Ceo di Meta, ha spiegato che ci vorrà ancora del tempo prima che dagli investimenti sull’intelligenza artificiale si riescano a trarre dei profitti. Un annuncio che non è piaciuto molto ai mercati: il titolo in Borsa è crollato.

TongTong, la prima bambina umanoide

Si chiama TongTong e il suo aspetto è paragonabile a quello di una bambina di un’età compresa tra i tre e i quattro anni. Non ha l’aria molto sofistica, a giudicare dalle immagini potrebbe benissimo essere solo un giocattolo molto costoso. Fanpage.it ha spiegato come funziona e come potrebbe migliorare nel tempo.

TongTong è stata creata dal Beijing Institute for General Artificial Intelligence (Bigai). È un robot che si muove grazie all’intelligenza artificiale ed è in grado di imparare dall’ambiente esterno. Potrebbe diventare fondamentale per assistere gli anziani rimasti soli.

L’intelligenza artificiale usata per far tornare in vita i defunti

Si può clonare la voce, si può clonare il volto, si può anche clonare qualche ricordo rendendo le risposte più credibili. L’intelligenza artificiale viene usata spesso per creare copie di persone esistenti.

In Cina però questa tecnologia sta facendo un passo oltre: ora viene usata anche per creare copie di defunti che sono in grado di parlare con i loro cari rimasti sulla Terra. Come mai? Ve lo raccontiamo in questo approfondimento.

La trap cantata come fosse una canzone anni ’60

C’è un trend su TikTok che mette insieme i testi della trap e le melodie degli anni ’60. Dietro non c’è nessun dj particolarmente capace ma degli ottimi software basati sull’intelligenza artificiale. In questo articolo vi spieghiamo come è stato possibile. Intanto lasciatevi sorprendere dalla versione swing di Miu Miu.

0 CONDIVISIONI
431 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views