38 CONDIVISIONI
Guerra in Ucraina

“Non è Call of Duty, non arruolatevi per l’emozione”: l’avvertimento dell’ex soldato

“Qui non è Call of Duty, questo è reale e i russi non sono grafiche su uno schermo, hanno armi e sono preparati per sparare e uccidere” spiega un soldato volontario che oggi combatte per l’Ucraina.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Marco Paretti
38 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

Fin dall'inizio dell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, numerosi ex-soldati e volontari bitrannici e di altre nazioni non direttamente coinvolte dalla guerra hanno iniziato a riversarsi nel paese per lottare all'interno della Georgian National Legion. Tra questi Thomas, un 25 enne di Londra che al DailyMail ha spiegato: "Qui non è Call of Duty, questo è reale e i russi non sono grafiche su uno schermo, hanno armi e sono preparati per sparare e uccidere". L'avviso è per tutte le persone giovani che potrebbero farsi attrarre dall'emozione di combattere in una guerra, ma che non sono preparate per affrontare uno scenario del genere.

"Il mio consiglio è quello di restare a casa a fare qualche lavoro umanitario" continua Thomas. "Potete aiutare in altre maniere, non ha senso venire qui e farsi uccidere". Dal canto suo, Thomas è un ex soldato che ha passato quattro anni nell'esercito inglese, per poi lasciare e recuperare l'uniforme nel momento in cui l'Ucraina ha iniziato a chiedere aiuto a combattenti volontari. Una chiamata alla quale hanno risposto anche legioni come la Georgian National, che a gennaio ha addestrato i civlili ucraini sulle tattiche di difesa.

Un altro giovane intervistato dal DailyMail, James, è invece un 22enne di Manchester senza esperienza pregressa nel combattimento ma che sentiva "un senso del dovere". "Si sono offerti di addestrarmi, non mi hanno dato semplicemente un'arma e mandato in prima linea" spiega il ragazzo. "Mi hanno insegnato tattiche, come usare le armi e come restare in vita perché vorrei tornare a Manchester vivo". Ma proprio come dice Thomas, una zona di guerra non è un videogioco e senza esperienza si rischia di mettere in grave pericolo la propria vita, più di quanto non lo sia già per i soldati addestrati. Le iniziative umanitarie per aiutare nel proprio paese sono tante e sono sicuramente altrettanto utili.

38 CONDIVISIONI
4160 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views