7 CONDIVISIONI

Dopo quasi 2000 anni questo papiro è di nuovo leggibile

Grazie al Diamond Light Source, un acceleratore di particelle, e all’intelligenza artificiale i ricercatori sono riusciti a decifrare uno dei papiri carbonizzati di Ercolano.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Elisabetta Rosso
7 CONDIVISIONI
Immagine

È dal 1752 che i ricercatori cercano di capire cosa c'è scritto sui papiri delle ville romane di Ercolano. I rotoli sono rimasti sepolti sotto cenere a macerie dall'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.. Sono l'unica biblioteca del mondo antico arrivata fino a noi, eppure quando gli archeologi hanno recuperato i papiri durante gli scavi hanno trovato solo pezzi di carta carbonizzati. Grazie al Diamond Light Source, un acceleratore di particelle cariche che le spinge a velocità prossime a quelle della luce, i ricercatori sono riusciti a scorgere le scritte invisibili a occhio nudo. Ma solo l'intelligenza a artificiale è riuscita alla fine a decifrare una parola: πορϕυρας, porpora in greco antico.

La scoperta è stata annunciata dal professor Brent Seales, informatico dell'Università del Kentucky, che a marzo ha lanciato la "sfida del Vesuvio" per decifrare i testi. Una competizione sostenuta anche dagli investitori della Silicon Valley che hanno messo in palio premi in denaro per i ricercatori. Due studenti di informatica, Luke Farritor nel Nebraska e Youssef Nader di Berlino hanno conquistato rispettivamente il primo e il secondo posto decifrando la parola "porpora".

Il patrimonio perduto

Tutto quello che sappiamo sulla letteratura greca e latina è frutto di un processo di intermediazione. Possiamo leggere Sofocle, Eschilo, Euripide, Tacito, e Aristofane perché nel Medioevo i loro testi sono stati copiati dai monaci amanuensi. Quando negli scavi di Ercolano sono stati trovati i 1.800 papiri i ricercatori si sono trovati di fronte alle fonti originali, ma era impossibile aprirle senza distruggerle, a causa della carta carbonizzata.

“Il forte sospetto è che la parte non filosofica della biblioteca apra un nuovo mondo, e qui la fantasia si scatena: nuove opere di Sofocle, poesie di Saffo, gli Annali di Ennio, libri perduti di Tito Livio e così via”, ha spiegato al Guardian Robert Fowler, professore di greco all'Università di Bristol. “Sarebbe bello anche trovare i cosiddetti papiri documentari: lettere, documenti aziendali, sarebbero un tesoro per gli storici."

Cosa c'è scritto sui papiri

I rotoli appartengono a una collezione dell'Institut de France di Parigi e si crede che appartenessero a un anziano statista romano, forse Lucius Calpurnius Piso Caesoninus, il suocero di Giulio Cesare. La dottoressa Federica Nicolardi, papirologa dell'Università di Napoli Federico II, ha spiegato che tre righe del papiro, composte da 10 lettere, potrebbero essere decifrate a breve. Molti stanno cercando di capire a quale testo appartiene la parola "porpora".

"È la nostra prima immersione in un libro antico ancora non aperto", ha detto Seales. “Cosa mostrerà il contesto? Plinio il Vecchio aveva scritto del colore “viola” , della sua “storia naturale”, e del processo di produzione della porpora a partire dai molluschi. Il Vangelo di Marco invece descrive come Gesù fu deriso mentre era vestito con drappi color viola prima della crocifissione. Di cosa parli questo particolare papiro non è ancora noto, ma credo che verrà presto rivelato. Una vecchia e nuova storia che inizia per noi con “porpora” è un posto incredibile in cui trovarsi”.

"Per me, leggere le parole contenute nei rotoli di Ercolano è come mettere piede sulla Luna", ha aggiunto Seales. “Leggere le parole è il passo in un nuovo territorio, e noi l'abbiamo fatto. Ora è il momento di esplorare”.

7 CONDIVISIONI
Cos'è la modalità monaco: il nuovo trend di TikTok che vieta di usare i social, fare sesso e bere alcool
Cos'è la modalità monaco: il nuovo trend di TikTok che vieta di usare i social, fare sesso e bere alcool
A quale anno sei rimasto? Come provare la capsula del tempo di Google che ci fa sentire vecchi
A quale anno sei rimasto? Come provare la capsula del tempo di Google che ci fa sentire vecchi
Netflix lancia un nuovo abbonamento per aumentare la dipendenza da streaming
Netflix lancia un nuovo abbonamento per aumentare la dipendenza da streaming
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views