29 Novembre 2022
12:16

Cosa c’è sul comodino di Elon Musk? La foto con pistole e lattine di Coca Cola

Si vedono due pistole giocattolo, un amuleto buddhista, e tante Diet Coke. L’immagine potrebbe anche essere uno dei tanti troll dell’uomo più ricco del mondo.
A cura di Elisabetta Rosso

Due pistole, quattro Diet Coke, un piccolo santuario per George Washington e un oggetto buddhista che rappresenta la virilità e la padronanza dei fenomeni magici. Elon Musk ha postato la foto del suo comodino su Twitter. Non è chiaro se l’uomo più ricco del mondo dorma tutte le notti di fianco a questa originale composizione di oggetti o sia uno dei tanti troll che Musk dà in pasto al suo pubblico.

Su quel comodino c’è però della coerenza. Dalla passione per la Diet Coke linfa vitale del Ceo, celebrata su ogni profilo social, alle due pistole (probabilmente finte). Musk da sempre è favorevole al possesso di armi, anzi secondo lui sono il deterrente per resistere alla tirannia che incombe. La foto è accompagnata dal sottotitolo "Il mio comodino", e poi aggiungge "non ci sono scuse per la mia mancanza di sottobicchieri", alludendo agli aloni delle lattine che sporcano la superficie.

L’armata delle Diet Coke

È una lunga storia d'amore quella tra Musk e la Diet Coke. E 15 anni fa il numero di lattine sulla scrivania di Musk avrebbe potuto essere il doppio. Musk infatti ha spiegato che negli ultimi anni ha provato a ridurre il consumo di Coca Cola, prima beveva occhio e croce otto lattine al giorno. "Sono diventato così pazzo che ho seriamente iniziato a sentirmi come se stessi perdendo la mia visione periferica", ha detto Musk. "Ora, l'ufficio ha Diet Coke senza caffeina."

A giugno, ha poi twittato: "Diet Coke è incredibile, specialmente la versione soda fountain nei cinema con popcorn sale e burro". La Coca Cola preferita da Musk dal 2022 non è più distribuita in Italia.

Da dove arrivano le due pistole

"Credo fermamente che il diritto di portare armi sia un'importante salvaguardia contro la potenziale tirannia del governo", aveva detto Musk alla CNBC. "Storicamente, mantenere il proprio potere sul popolo è il motivo per cui chi era al potere non consentiva la proprietà pubblica delle armi". Non stupiscono quindi le due pistole sul comodino, Musk ha espresso in tutti i modo il suo sostegno al possesso di armi. “Tuttavia” aveva poi aggiunto “la vendita di armi dovrebbe essere accompagnata da rigorosi controlli dei precedenti, e le vendite di armi d'assalto dovrebbero essere limitate a circostanze speciali, come per i proprietari di poligoni di tiro e quelli in luoghi ad alto rischio, come la guerra tra bande".

Ad ogni modo le due pistole Musk sembrano essere false. La prima quella intarsiata in legno riposta nel cofanetto dovrebbe essere una replica della pistola a pietra focaia del cofanetto Deluxe George Washington, se la si cerca su internet nella descrizione c’è scritto “non funzionante". L’altra secondo il New York Post è una replica di un revolver del videogioco "Deus Ex: Human Evolution".

Un fan di Buddha e George Washington

Non solo la replica della pistola dell’ex presidente, e la riproduzione a colori del dipinto "Crossing the Delaware” di Emanuel Leutze che ritrae il primo presidente degli Stati Uniti che attraversa il fiume Delaware. Sul comodino c’è anche il libro "Regole di civiltà e comportamento dignitoso in compagnia e conversazione" di Washington. Potrebbe far parte della raccolta "Libri della saggezza americana", che comprende anche la Costituzione degli Stati Uniti, la Dichiarazione di indipendenza e "La via della ricchezza" di Benjamin Franklin.

C’è anche un oggetto usato durante i rituali buddhisti sul tavolo. Si chiama Vajra Dorje, e simboleggia il principio maschile della manifestazione universale, è associato all'idea di paternità divina. Il vajra viene anche considerato come un ‘bastone magico' che rappresenta chi ha raggiunto la padronanza dei fenomeni magici. Secondo l'associazione Khan Academy, il vajra è uno degli "oggetti rituali più importanti del buddhismo tibetano".

Elon Musk sta cercando un nuovo Ceo per Twitter? La strategia dopo la sconfitta al referendum
Elon Musk sta cercando un nuovo Ceo per Twitter? La strategia dopo la sconfitta al referendum
Elon Musk ha lanciato la più grande caccia all'uomo dei social: “Lui è uno stalker, qualcuno lo conosce?”
Elon Musk ha lanciato la più grande caccia all'uomo dei social: “Lui è uno stalker, qualcuno lo conosce?”
Elon Musk si prepara al lancio del suo primo robot: si chiamerà Optimus
Elon Musk si prepara al lancio del suo primo robot: si chiamerà Optimus
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni