4 Gennaio 2022
10:23

Apple ha superato il valore di 3 trilioni in borsa: è la prima della storia

Non solo la soglia non era mai stata superata da nessun’altra azienda, ma è stata raggiunta dopo solo un anno e mezzo dal precedente traguardo dei 2.000 miliardi.
A cura di Lorenzo Longhitano

Il 2022 di Apple si apre con un record storico: un picco di 3.000 miliardi di valore in borsa, toccato nella giornata di ieri prima di tornare di poco sotto in queste ultime ore. Quello raggiunto dall'azienda è un risultato unico, non solo perché il gruppo sta crescendo vertiginosamente in un periodo storico non certo caratterizzato da abbondanza e prosperità a 360 gradi, ma anche perché effettivamente quella dei 3.000 miliardi di capitalizzazione è una soglia mai superata da nessuna azienda quotata in borsa.

Crescita esponenziale

Oltre al valore raggiunto, a sorprendere è la velocità con la quale la vetta attuale è stata toccata. Era solo il 2018 quando la casa di Cupertino raggiungeva per la prima volta il valore in borsa di 1.000 miliardi: fondata nel 1976, è diventata così una delle aziende più quotate al mondo impiegando però quasi mezzo secolo nel farlo. Il raddoppio è arrivato appena 2 anni dopo: nello stesso mese di agosto del 2020. E oggi, dopo un anno e mezzo di pandemia, il gruppo ha aggiunto altri 1.000 miliardi al proprio valore in borsa in ancora meno tempo — circa un anno e mezzo.

Le ragioni dietro al successo

A contribuire alla fortuna di Apple degli ultimi anni potrebbe essere stata proprio la pandemia, che ha spinto molti a puntare sugli strumenti tecnologici per colmare le distanze sociali imposte dal coronavirus. Dallo smart working alle videochiamate, passando per gli acquisti online e per una nuova idea di socialità che per forza di cose si è parzialmente trasferita online: la domanda di gadget hi tech che consentono queste attività è esplosa negli ultimi mesi, dando vita a una penuria di chip senza precedenti dalla quale Apple è riuscita a rimanere sostanzialmente intatta grazie a rapporti stretti con le aziende fornitrici.

Questo aspetto si unisce a un cambio di rotta operato dall'azienda tempo prima dell'avvento di Covid-19: un accento sempre più marcato sull'offerta di servizi, che comprendono i pagamenti di Apple Pay, gli abbonamenti a musica, contenuti video, allenamenti e molto altro. Gli azionisti hanno evidentemente premiato una formula che pare loro solida, insieme a scommesse sul futuro potenzialmente remunerative come il visore per la realtà aumentata che dovrebbe essere dietro l'angolo e la più fumosa Apple Car della quale ancora non si sa molto.

Disastro Meta: bruciati 250 miliardi di dollari in Borsa, Facebook perde utenti per la prima volta
Disastro Meta: bruciati 250 miliardi di dollari in Borsa, Facebook perde utenti per la prima volta
Abbiamo appena superato il livello di anidride carbonica più alto della nostra storia
Abbiamo appena superato il livello di anidride carbonica più alto della nostra storia
Perché il calo di utenti di Facebook non preoccupa Zuckerberg
Perché il calo di utenti di Facebook non preoccupa Zuckerberg
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni