80 CONDIVISIONI

Scoperta lucertola drago dalle eccezionali capacità mimetiche: impossibile da vedere se non si muove

Su un massiccio calcareo del Laos è stata scoperta una nuova specie di lucertola drago con capacità mimetiche incredibili. Se non si muovono, infatti, questi rettili sono praticamente impossibili da vedere mentre riposano sulle rocce.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Andrea Centini
80 CONDIVISIONI
Credit: Santi Xayyasith / Zoological Research
Credit: Santi Xayyasith / Zoological Research

Nel cuore del Laos centrale i ricercatori hanno uno scoperto una nuova specie di “lucertola drago” dalle capacità mimetiche straordinarie. Se non si muove, infatti, è praticamente impossibile da vedere, dato che riesce a mimetizzarsi alla perfezione sulle rocce del suo habitat naturale, le magnifiche e delicate formazioni carsiche calcaree, considerate dai biologi un vero e proprio paradiso per la biodiversità.

La nuova specie di lucertola, cui i ricercatori hanno assegnato il nome scientifico di Laodracon carsticola, appartiene a un genere completamente nuovo di Agamidi (Agamidae), una famiglia di lucertole del Sud Est asiatico talvolta chiamate “draghi” proprio perché l'aspetto di alcune di esse ricorda quello delle famose creature immaginarie. Per il nome comune gli studiosi suggeriscono invece quello di drago carsico Khammouan, dal nome della provincia del Laos in cui è stata scoperta la nuova specie, caratterizzata dalla presenza di massicci carsici plasmati dallo scorrere dell'acqua sotterranea.

A scoprire e descrivere la nuova specie di lucertola drago "super criptica" è stato un team di ricerca internazionale guidato da scienziati dell'Università Nazionale del Laos e del Centro tecnologico e di ricerca tropicale congiunto russo-vietnamita, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi dell'IUCN Laos PDR, del Chelonian Conservation Centre Laos, della Facoltà di Biologia dell'Università Statale di Mosca Lomonosov, della Rabbit in the Moon Foundation (RIM) e di altri istituti. I ricercatori, coordinati dal dottor Nikolay A. Poyarkov, hanno avvistato, raccolto e studiato solo due esemplari di questa nuova specie, due maschi. Il primo era stato individuato durante una spedizione fotografica dedicata all'avifauna (uccelli), il secondo è stato invece visto da una guida del posto mentre accompagnava alcuni turisti per una sessione di ziplining.

Come indicato, la lucertola drago ha caratteristiche criptiche (di mimetismo) assolutamente straordinarie ed è quasi impossibile scorgerla mentre riposa sulle rocce carsiche di colore scuro. “In effetti, quando si riposano sulla cima delle rocce calcaree, gli individui della nuova specie diventano quasi invisibili nel mosaico di ombre nette e punti luminosi e sono difficili da individuare a meno che non inizino a muoversi”, hanno scritto gli autori dello studio. Sono lunghe circa 10 centimetri, hanno squame screziate che alternano tonalità grigio ardesia e nerastre, con macchie blu sulla gola e grigio più chiaro sul ventre. Anche gli occhi sono scuri. Sono tutti dettagli che rendono questi magnifici rettili estremamente criptici.

Credit: Zoological Research
Credit: Zoological Research

La presenza di questi animali sembra limitata a un solo massiccio calcareo sito al confine delle province di Khammouan e Bolikhamxai del Laos, pertanto la specie pur essendo stata appena scoperta potrebbe essere già in pericolo di estinzione. I dettagli della ricerca “Hiding on jagged karst pinnacles: A new microendemic genus and species of a limestone-dwelling agamid lizard (Squamata: Agamidae: Draconinae) from Khammouan Province, Laos” sono stati pubblicati sulla rivista scientifica specializzata Zoological Research.

80 CONDIVISIONI
Cosa sono i quasicristalli scoperti in un micrometeorite e perché sono un materiale "impossibile"
Cosa sono i quasicristalli scoperti in un micrometeorite e perché sono un materiale "impossibile"
Scienziati ingannati per decenni da un antico fossile scoperto in Italia: ecco cos’è davvero
Scienziati ingannati per decenni da un antico fossile scoperto in Italia: ecco cos’è davvero
Ecco Dogxim, il primo ibrido tra un cane e una volpe mai scoperto: perché preoccupa gli esperti
Ecco Dogxim, il primo ibrido tra un cane e una volpe mai scoperto: perché preoccupa gli esperti
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni