Covid 19
1 Giugno 2022
12:13

Pazienti Covid dopo la terapia antivirale con Paxlovid possono essere contagiosi senza sintomi

Le persone che hanno una ricaduta dopo il trattamento con l’antivirale possono essere contagiose e potrebbero non saperlo.
A cura di Valeria Aiello
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Le persone che sperimentano una ricaduta del Covid dopo il trattamento con il farmaco antivirale Paxlovid di Pfizer possono essere contagiose e potrebbero non saperlo perché non hanno sintomi, avvertono i ricercatori. “Queste persone sono a rischio trasmissione ad altre persone, anche se questo è al di fuori di ciò che la gente accetta come la solita finestra per poter trasmettere il virus” ha affermato il dottor Michael Charness del Veterans Administration Medical Center di Boston, che insieme ai suoi colleghi ha recentemente ha collaborato con team della Columbia University di New York per esaminare i casi di Covid-19 che si ripresentavano dopo il trattamento con Paxlovid.

Pazienti Covid positivi dopo il farmaco antivirale Paxlovid

I ricercatori hanno trovato almeno due casi di trasmissione del virus ad altre persone dopo che l’infezione si è ripresentata. In un caso, un uomo di 67 anni ha contagiato un bambino di 6 mesi dopo aver trascorso mezz’ora vicino a lui, quando era al suo 12° giorno dal suo primo test positivo per Covid-19. Aveva seguito cinque giorni di Paxlovid e si sentiva meglio, e non aveva alcun sintomo quando ha visto il bambino, che era suo nipote, ma circa otto ore dopo ha ricominciato a sentirsi male.

Il bambino è risultato positivo circa 3 giorni dopo, così come entrambi i suoi genitori, che non avevano avuto altri contatti stretti prima di ammalarsi. “Questo indica che il virus può essere trasmesso durante la ricaduta anche prima di sviluppare i sintomi – ha detto Charness – Abbiamo studiato solo un piccolo numero di persone, per cui è certamente concepibile che ci siano altre persone là fuori che non hanno sintomi ma hanno un rimbalzo virale”. Nell’altro caso, un uomo di 63 anni ha contagiato due membri della famiglia durante tre giorni di ricaduta dopo il trattamento con Paxlovid.

Il rimbalzo del Covid dopo l'antivirale

Sulla base dei dati, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno pubblicato le nuove linee guida per le persone che hanno sperimentato una ricaduta del Covid dopo trattamento con il Paxlovid. I CDC, in particolare, affermano che le persone che risultano nuovamente positive,  i cui sintomi si ripresentano dopo aver terminato le pillole antivirali, dovrebbero riprendere il periodo di isolamento e isolarsi per cinque giorni interi.

L’Agenzia indica inoltre che le persone possono terminare il loro periodo di isolamento dopo quei cinque giorni aggiuntivi, purché la febbre sia scomparsa per 24 ore senza farmaci per la riduzione della febbre e si sentano meglio, raccomandando di indossare una maschera per 10 giorni dopo la ricomparsa dei sintomi.

Le indicazioni arrivano ora che l’uso di Paxlovid è aumentato negli Stati Uniti. Secondo la Casa Bianca, negli ultimi due mesi, le prescrizioni per Paxlovid sono passate da circa 27.000 a settimana a 182.000 a settimana. Il farmaco antivirale è autorizzato negli Usa dalla Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento del Covid da lieve a moderato in adulti e in pazienti di età pari o superiore ai 12 anni che sono ad alto rischio di progressione verso Covid-19 grave. È disponibile solo su prescrizione medica e deve essere iniziato il prima possibile dopo la diagnosi di Covid ed entro cinque giorni dall’insorgenza dei sintomi.

31632 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni