115 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Cambiamenti climatici

La Foresta Amazzonica ha perso 5 milioni di ettari in soli 5 anni: la stiamo distruggendo

Gli scienziati dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) hanno dimostrato che l’Amazzonia ha perso 5,2 milioni di ettari tra il 2017 e il 2021, circa 1 milione all’anno.
A cura di Andrea Centini
115 CONDIVISIONI
Credit: ESA
Credit: ESA
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

In soli cinque anni la Foresta Amazzonica ha perduto oltre 5 milioni di ettari, circa 1 milione per ogni anno. È un dato drammatico che evidenzia per l'ennesima volta quanto sia grave lo sfruttamento perpetrato ai danni del “polmone verde” della Terra, scrigno della biodiversità e preziosissimo alleato – almeno fino ad alcuni anni fa – nell'assorbimento del carbonio, l'elemento alla base dei cambiamenti climatici di origine antropica. Come emerso da un recente studio condotto da scienziati del Centro per l'osservazione e la modellazione della Terra dell'Università dell'Oklahoma, infatti, a causa di questa distruzione l'Amazzonia sta ora rilasciando più anidride carbonica (CO2) di quella che cattura: nell'ultimo decennio il rapporto è stato infatti di 16,6 miliardi di tonnellate emesse contro 13,9 miliardi di tonnellate assorbiti.

A determinare che l'Amazzonia ha perduto oltre 5 milioni di ettari in soli cinque anni, tra il 2017 e il 2021, sono stati gli scienziati del “Sentinel-1 for Science: Amazonas”, un progetto di ricerca guidato dall'Agenzia Spaziale Europea (ESA). Esso si avvale dell'enorme mole di dati catturati dal satellite Sentinel-1 della costellazione Copernicus, che dal 2015 monitora le perdite forestali attraverso osservazioni cicliche ogni 6 – 12 giorni. Il satellite raccoglie milioni di gigabyte di dati radar ad apertura sintetica (SAR) in qualunque circostanza, “sia di giorno che di notte, indipendentemente dalla copertura nuvolosa, foschia, fumo o aerosol”, come specificato in un comunicato stampa dell'ESA. Ciò consente il monitoraggio della deforestazione con un dettaglio senza precedenti, anche alla luce della grande risoluzione dell'“occhio” di Sentinel-1, pari A 20 metri x 20 metri.

Analizzando statisticamente ben 450 Terabyte di dati raccolti nel suddetto quinquennio, gli scienziati hanno determinato che l'Amazzonia ha perso oltre 5,2 milioni di ettari, più di 1 all'anno. Per fare un paragone, è un territorio esteso quanto la Sicilia, il Piemonte e la Valle D'Aosta messi assieme, o come la Costa Rica, utilizzando il paragone dell'ESA. La Foresta Amazzonica viene distrutta e bruciata per creare nuove miniere, infrastrutture e soprattutto allevamenti per il bestiame, anch'essi coinvolti nel catalizzare le emissioni di carbonio nell'atmosfera e amplificare il riscaldamento globale.

“Quello che stiamo vedendo dallo spazio è oltre un milione di ettari di foreste umide tropicali che scompaiono ogni anno nel bacino amazzonico, con l'anno peggiore che è il 2021 in Brasile. D'ora in poi possiamo tenere traccia di queste perdite e riferirle in modo trasparente e coerente ogni 12 giorni” ha dichiarato la dottoressa Neha Hunka, esperta di telerilevamento presso Gisat. La speranza degli esperti è che fornire dati chiari, costantemente aggiornati e facilmente consultabili da chiunque possa aiutare la sensibilizzazione dell'opinione pubblica sui danni arrecati alla Foresta Amazzonica e sulle conseguenze dei cambiamenti climatici.

115 CONDIVISIONI
545 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views