107 CONDIVISIONI
Covid 19
20 Gennaio 2022
12:29

I bambini vaccinati hanno un rischio dimezzato di infezione da Omicron rispetto ai non vaccinati

I dati diffusi dal Ministero della Salute israeliano mostrano che il vaccino anti Covid è efficace nel proteggere i bambini dalla variante Omicron.
A cura di Andrea Centini
107 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Rispetto ai bambini non vaccinati, i piccoli che hanno ricevuto due dosi hanno meno della metà delle probabilità di contrarre la variante Omicron (B.1.1.529) del coronavirus SARS-CoV-2. Negli adolescenti che hanno ricevuto un richiamo negli ultimi due mesi la protezione è invece quattro volte maggiore rispetto a quelli che non hanno ricevuto il vaccino anti Covid. Tuttavia, nei ragazzini tra i 12 e i 15 anni che non hanno ricevuto la terza dose – e che hanno completato il ciclo vaccinale di base da più di tre/quattro mesi – tale differenza si riduce significativamente, un dato che evidenzia ancora una volta l'importanza del booster nell'arginare la variante “super mutata” emersa alla fine di novembre 2021 in Sudafrica. I nuovi dati sono stati diffusi dal Ministero della Salute di Israele, attualmente investito da una vera e propria ondata di casi Omicron. Nel momento in cui stiamo scrivendo, come riportato dal Time of Israel, nel Paese mediorientale ci sono ben 400mila casi attivi di COVID-19, l'infezione provocata dal patogeno pandemico, che rappresentano oltre il 4 percento della popolazione complessiva. Ogni giorno si registrano decine di migliaia di nuovi casi.

Lo studio del Ministero della Salute su bambini e adolescenti è stato condotto in collaborazione con i ricercatori del Weizmann Institute of Science, del Technion-Israel Institute of Technology, dell'Università Ebraica e del Gartner Institute presso lo Sheba Medical Center, il principale nosocomio israeliano attualmente impegnato in un pionieristico studio di valutazione della quarta dose. La prima parte della ricerca si è concentrata sulla fascia di età 5 – 11 anni, per la quale la vaccinazione è stata resa disponibile dal mese di novembre; ciò significa che sono ancora moltissimi i piccoli a non aver ricevuto le dosi o averne ricevuta una sola. In base ai dati diffusi dal ministero israeliano, tra il 25 dicembre 2021 e il 16 gennaio 2021 il tasso di infezione tra i bambini vaccinati è stato di 120 casi ogni 100mila, mentre per i non vaccinati è stato di 260 casi ogni 100mila, oltre il doppio. Il dato evidenzia come il vaccino può prevenire anche l'infezione e non solo la malattia.

Per quanto concerne gli adolescenti tra i 12 e i 15 anni vaccinati con booster (la terza dose è stata autorizzata da dicembre ad almeno tre mesi dal completamento del ciclo vaccinale di base), il tasso di infezioni nel periodo di riferimento è stato di 90 ogni 100.000, mentre nei non vaccinati è stato di ben 330 ogni 100mila. Praticamente il quadruplo dei casi. L'efficacia del booster viene sottolineata dai dati sugli adolescenti vaccinati con il solo ciclo base a due dosi da più mesi. Il tasso di infezione nei ragazzini che avevano ricevuto le due dosi tra tre e quattro mesi prima è stato infatti di 220 casi ogni 100mila, mentre per quelli vaccinati da cinque mesi o più il tasso di infezione è stato di 290 ogni 100mila, di poco inferiore a quello rilevato nei non vaccinati. Il dato suggerisce che la protezione contro l'infezione cala significativamente in pochi mesi, pur mantenendosi elevato quello contro la COVID-19 grave e l'ospedalizzazione.

Come riportato dal Time of Israel, il Ministero della Salute Israeliano ha comunicato che circa il 2 percento dei pazienti ricoverati in condizioni gravi o critiche a causa della COVID-19 ha 4 anni o meno, rispetto a una media dell'1 percento dei giorni precedenti. Nella fascia di età tra i 5 e gli 11 è il dato è rimasto allo 0 percento, mentre in quelli tra i 12 e i 15 c'è stato un passaggio dallo 0 percento all'1 percento. Queste percentuali sottolineano l'importanza della vaccinazione anche nelle fasce di età più giovani.

107 CONDIVISIONI
31851 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni