289 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

Netanyahu: “La guerra finirà solo con la distruzione di Hamas, l’esercito avanzerà verso Rafah”

“Ho detto a Blinken che Israele è ad un passo dalla vittoria totale”. Sono le parole del premier Benyamin Netayahu a margine dell’incontro col segretario di Stato USA. “Vogliamo la completa demilitarizzazione di Gaza”.
A cura di Biagio Chiariello
289 CONDIVISIONI
Il premier Netanyahu
Il premier Netanyahu
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

"Siamo quasi vicini alla vittoria, che è la distruzione totale di Hamas. Il giorno dopo la guerra, sarà il giorno dopo Hamas. A Blinken ho detto che dobbiamo smilitarizzare completamente Gaza". Sono le parole del premier israeliano Benjamin Netanyahu nella conferenza stampa dopo l'incontro delle scorse ore con il segretario di Stato Usa, Antony Blinken.

Netanyahu: "La guerra finirà solo con la distruzione di Hamas"

"Solo la vittoria finale ci consentirà di portare la sicurezza nel nord e nel sud di Israele", ha rimarcato il primo ministro israeliano, riferendosi anche ai confini del Paese con il Libano. "Se ci arrendiamo alle condizioni di Hamas potremo arrivare ad un altro massacro", ha poi aggiunto riferendosi all'attacco del 7 ottobre, affermando che "Israele continuerà le operazioni militari a Gaza, il giorno dopo la guerra non ci sarà più Hamas".

"Vogliamo la completa demilitarizzazione di Gaza, continueremo a operare a Gaza per tutto il tempo necessario, in modo che i terroristi non rialzino più la testa", ha detto ancora il primo ministro israeliano in conferenza stampa con Blinken.

Esercito Israele avanzerà verso Rafah

Netanyahu ha poi annunciato di aver ordinato all'Idf di avanzare verso Rafah, nel sud della Striscia, ad un passo dall'Egitto, ed ha confermato che "solo la pressione militare agisce per la liberazione degli ostaggi. I nostri soldati non sono caduti invano".

 "Molti della Comunità internazionale ci hanno detto che non riusciremo, che è è stato un errore entrare nella Striscia, che non elimineremo Hamas senza uccidere migliaia di persone. Tutto quello che ci hanno detto che era impossibile – ha aggiunto Netanyahu – abbiamo invece mostrato che è possibile".

"Ho detto a Blinken – ha proseguito – che l'Unrwa va sostituita", in merito all'inchiesta che ha portato al licenziamento di 12 dipendenti dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei profughi palestinesi nel vicino oriente, accusati di aver partecipato all’attacco del 7 ottobre, è finito sul tavolo di alcuni funzionari statunitensi.

Hamas: "Netanyahu spaccone, vuole continuare la guerra"

Un alto funzionario di Hamas, Sami Abu Zuhri, ha affermato che le affermazioni di stasera del premier israeliano  dimostrano "una forma di spacconaggine politica, che indica la sua intenzione di portare avanti il "conflitto nella regione".

Hamas è "pronto ad affrontare tutte le opzioni", ha aggiunto Abu Zuhri, come riporta il Guardian.

Incontro Blinken – Abu Mazen

Lo stesso Blinken nel pomeriggio a Ramallah ha incontrato anche il presidente palestinese Abu Mazen. È  importante "il riconoscimento Usa dello Stato palestinese e della sua piena adesione all'Onu attraverso una decisione del suo Consiglio di sicurezza", ha detto il numero uno palestinese al segretario di Stato Usa, al quale ha ribadito che Israele deve "fermare subito la sua aggressione a Gaza".

Abu Mazen ha quindi ribadito – secondo l'agenzia Wafa – la necessità di una Conferenza internazionale di pace, sottolineando che "la pace e la sicurezza si ottengono attraverso l'attuazione dei 2 Stati" con uno palestinese con Cisgiordania, Gerusalemme Est e Gaza.

289 CONDIVISIONI
720 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views