20.352 CONDIVISIONI
11 Maggio 2021
15:19

Iran, un ragazzo di 20 anni è stato decapitato dai suoi stessi familiari perché gay

Alireza Fazeli-Monfared voleva fuggire dall’Iran per cercare rifugio in Turchia e incontrare il suo fidanzato. Il giovane è stato decapitato dal suo fratellastro e dai suoi cugini. La notizia è stata riportata dalla BBC, che cita alcuni registrazioni in cui il ragazzo ammetteva di aver paura dei suoi stessi familiari.
A cura di Biagio Chiariello
20.352 CONDIVISIONI

Un 20enne iraniano è stato brutalmente assassinato dai membri della sua stessa famiglia a causa del suo orientamento sessuale in un cosiddetto “delitto d’onore”. Alireza Fazeli-Monfared era uno ragazzo gay e aveva programmato di fuggire dall’Iran per cercare rifugio in Turchia e incontrare il suo fidanzato, ma sarebbe stato decapitato dal suo fratellastro e dai cugini. Come riporta IranWire, almeno tre persone sono state arrestate in relazione all'omicidio, avvenuto il 4 maggio vicino ad Ahvaz, la capitale della provincia del Khuzestan, nel Sud-Ovest del Paese. La BBC ha riferito di aver ricevuto registrazioni audio in cui si sente Alireza che ammette di essere preoccupato della reazione dei membri della sua famiglia e di stare pensando di lasciare il Paese.

Fazeli-Monfared aveva appena ricevuto un’esenzione dal servizio militare a causa delle sue “depravazioni sessuali“. Il documento è stato trovato dalla sua famiglia, che ha così saputo della sua omosessualità; un orientamento sessuale punibile con la morte in Iran. Il dramma di Alireza è stato raccontato dalla giornalista locale Masih Alinejad: “Alireza è stato decapitato dalla sua famiglia. Dopo averlo decapitato, la famiglia ha scaricato il corpo di questo povero ragazzo sotto un albero fuori dalla città di Ahwaz. Alireza stava per fuggire dall’Iran per raggiungere il suo ragazzo, che è un rifugiato e lo aspettava in Turchia. Attraverso le sue leggi omofobe, la propaganda anti-gay e le condanne per i delitti d’onore, la Repubblica islamica dell’Iran è responsabile di aver facilitato l’omicidio di innumerevoli membri della comunità LGBTQ in Iran. Questa comunità desidera ardentemente essere ascoltata dal mondo”.

“Martedì alle ore 19:00, Alireza ha avuto una conversazione telefonica con sua madre per l’ultima volta“, ha detto alla rivista IranWire Aghil Abyat, amico di Alireza. “A quel punto suo fratellastro, con il pretesto che suo padre voleva vederlo, lo ha fatto salire in macchina e portato fuori città. Non ci sono state più sue notizie fino a mercoledì scorso, quando il fratellastro di Alireza ha chiamato sua madre e le ha detto: ‘L’abbiamo finito’. In altre parole, ha confessato di aver ucciso Alireza. Hanno trovato il suo corpo sotto alcune palme. Ora è con il medico legale e sua madre è stata ricoverata in ospedale a causa dello shock“.

20.352 CONDIVISIONI
Revocato lo sciopero dei taxi del 20 e 21 luglio: perché è stato cancellato
Revocato lo sciopero dei taxi del 20 e 21 luglio: perché è stato cancellato
Malore mentre gioca a calcio con gli amici: Andrea si accascia in campo e muore a 20 anni
Malore mentre gioca a calcio con gli amici: Andrea si accascia in campo e muore a 20 anni
Lascia il cellulare a casa a Trieste e sparisce, si cerca una ragazza di 17 anni
Lascia il cellulare a casa a Trieste e sparisce, si cerca una ragazza di 17 anni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni