171 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Il Consiglio UE: “Mettiamo l’economia europea sul piede di guerra”. Polonia schiera jet ai confini

Il presidente del Consiglio UE Charles Michel: “Dobbiamo aumentare la nostra prontezza nella difesa e mettere le economie sul piede di guerra per far fronte all’urgenza della minaccia”.
A cura di Davide Falcioni
171 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

La Polonia ha schierato aerei da guerra a protezione dei suoi confini in seguito agli attacchi missilistici russi avvenuti la scorsa notte sull'Ucraina. Lo hanno reso noto le Forze armate polacche. "È in corso un'intensa attività dell'aviazione a lungo raggio della Federazione russa relativa ad attacchi missilistici degli aerei Tu-95, Tu-22 e Mig-31 contro oggetti situati nel territorio dell'Ucraina", afferma il Comando operativo delle forze armate della Polonia sul suo account X aggiungendo che "sono state avviate tutte le procedure necessarie per garantire la sicurezza dello spazio aereo polacco" e "la situazione è costantemente monitorata".

UE: "Usare assett russi a favore dell'Ucraina"

Ma oltre alla Polonia è tutta l'Europa a prepararsi a scenari di guerra. Al termine del vertice UE di ieri infatti Charles Michel – presidente del Consiglio Europeo – ha dichiarato: "Abbiamo ribadito il nostro sostegno all'Ucraina e adottato decisioni importanti: usare gli assett russi a favore dell'Ucraina", decisione che nel solo 2024 dovrebbe portare nelle casse di Kiev circa tre miliardi di euro. "Intendiamo agire in modo rapido, i 27 leader capiscono la serietà della situazione e sono determinati a fare di più per Kiev. Credo profondamente a un cambiamento di paradigma del progetto europeo, che era fondato sulla cooperazione e la prosperità, mentre la difesa era affidata alle competenze nazionali, oggi abbiamo deciso di rafforzare il pilastro europeo".

Charles Michel: "Mettiamo l'economia europea sul piede di guerra"

Dopo l'approvazione del paragrafo relativo all'Ucraina e di quello relativo alla Difesa il Consiglio UE ha espressamente dichiarato che il Vecchio Continente deve prepararsi a un conflitto. "Dobbiamo aumentare la nostra prontezza nella difesa e mettere le economie sul piede di guerra per far fronte all'urgenza della minaccia", scrive Michel sul suo account X. E aggiunge: "Abbiamo 3 obiettivi: sostenere l'Ucraina adesso; spendere meglio e più velocemente insieme; un accesso più semplice ai finanziamenti pubblici e privati per il settore della difesa".

Le conclusioni del Consiglio Europeo mandano "un messaggio al Cremlino: siamo determinati. La  rapidità con cui abbiamo preso decisioni estremamente importanti sul  piano geopolitico segnalano la nostra determinazione. Non siamo intimiditi: siamo robusti e continueremo a fare quello che è necessario per difendere la pace, la prosperità e la sicurezza", ha concluso Charles Michel.

171 CONDIVISIONI
4276 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views