18 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Guerra Ucraina, Zelensky: “Nato scelga se siamo davvero alleati”. Stoltenberg: “Daremo sistemi difesa a Kiev”

Il segretario generale dell’Alleanza Atlantica Jens Stoltenberg: “Non è un gesto di carità, Ucraina usa le armi che forniamo per distruggere la capacità di combattere della Russia”. Al Consiglio Nato-Ucraina, ha partecipato anche Zelensky: “Le nostre capacità sono limitate. Il nostro cielo deve diventare di nuovo sicuro”.
A cura di Biagio Chiariello
18 CONDIVISIONI
Jens Stoltenberg e Volodymyr Zelensky
Jens Stoltenberg e Volodymyr Zelensky
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

I ministri della Difesa della Nato hanno dato l'okay ad "un maggiore sostegno" all'Ucraina "inclusi ulteriori pacchetti di sistemi di difesa", sostegno che "arriverà da tutti i Paesi membri della Nato per mettere a disposizione dell'Ucraina ciò di cui ha bisogno, quindi ci aspettiamo presto annunci sulle forniture". Lo ha confermato il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg aggiungendo che la Germania "ha annunciato la fornitura di un altro sistema di difesa Patriot".

"Stiamo anche lavorando con l'industria per aumentare la produzione e ristrutturare i sistemi per renderli operativi e adatti allo scopo", ha detto ancora. "L'Ucraina usa le armi che forniamo per distruggere la capacità di combattere della Russia, il sostegno a Kiev non è un gesto di carità ma per la sicurezza dei nostri Paesi".

"Alcuni alleati che non hanno" questi sistemi di difesa "hanno promesso assistenza finanziaria" a Kiev e "ciascun alleato deciderà cosa fornire all'Ucraina e diversi Paesi hanno preso impegni concreti e stanno finalizzando il contributo", quindi "gli aiuti stanno per arrivare", ha aggiunto il capo della Nato.

"Nella riunione di oggi i ministri hanno affrontato anche molte altre necessità urgenti, tra cui le munizioni da 155 millimetri, le capacità di attacco di precisione e i droni. Ogni alleato della Nato deciderà cosa fornire. Diversi alleati hanno assunto impegni concreti durante l'incontro e stanno finalizzando i contributi che prevedo saranno annunciati presto. L'aiuto è già in arrivo", ha proseguito Stoltenberg.

Anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è intervenuto al Consiglio Nato-Ucraina. "Abbiamo bisogno di almeno altri sette Patriot o sistemi di difesa aerea simili, ed è un numero minimo", ha spiegato il numero uno di Kiev.

Le capacità di terra dell'esercito ucraino, privo di munizioni e uomini, sono "limitate" e rimarranno tali finché la Russia manterrà il vantaggio nei cieli. "È ovvio che ora, mentre la Russia ha un vantaggio aereo e può fare affidamento sul terrore portato da droni e razzi, le nostre capacità a terra sono purtroppo limitate", ha detto ancora Zelensky.

E non è mancata una mezza polemica: la Nato deve decidere "se siamo alleati davvero", ha specificato il presidente ucraino. "Il nostro cielo deve diventare di nuovo sicuro", ha aggiunto durante la videoconferenza con i ministri della Difesa dell'Alleanza. "E dipende interamente dalla vostra scelta. Scegliere se la vita ha davvero lo stesso valore ovunque. Scegliere se avete un atteggiamento uguale verso tutti i partner. Scegliere se siamo davvero alleati".

18 CONDIVISIONI
4271 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views