0 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Guerra in Ucraina, a Kharkiv evacuate 10mila persone. Zelensky: “Non vogliamo una tregua olimpica”

Quasi 10.000 persone sono state evacuate nella regione di Kharkiv, nell’Ucraina nord-orientale: lo ha reso noto il governatore della regione. Il presidente ucraino intervistato da Afp: “Siamo contrari a qualsiasi tregua olimpica”.
A cura di Biagio Chiariello
0 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Quasi diecimila persone sono state costrette ad abbondare le loro case nella regione di Kharkiv, nel nord-est dell'Ucraina, in seguito all'offensiva di terra dell'esercito russo. "Un totale di 9.907 persone sono state evacuate", ha detto il governatore del Kharkiv, Oleg Synegubov, che ha riferito anche di 4 vittime nell'attacco.

La misura segue l'attacco delle forze di Putin nella regione iniziato il 10 maggio, che secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky "potrebbe essere solo la prima ondata di un’offensiva più ampia“.

Nella stessa intervista rilasciata ad Afp, il numero uno ucraino ha duramente criticato la proposta del presidente francese Emmanuel Macron per una ‘tregua olimpica' in occasione dei Giochi di Parigi della prossima estate. “Siamo contrari a qualsiasi tregua che faccia il gioco del nemico”, ha risposto il presidente. “Nessuno può garantire – ha aggiunto – che la Russia non approfitterà per portare le sue forze sul nostro territorio“.

Ad ogni le forze russe sono riuscite a conquistare un altro villaggio nella stessa regione di Kharkiv: lo ha reso noto il ministero della Difesa di Mosca. "Il gruppo tattico nord ha liberato l'insediamento di Starytsya, nella regione di Kharkiv", scrive la Tass, che cita il ministero. La stessa agenzia di stampa russa ha riferito di un'esplosione a Belgorod, città russa al confine con l'Ucraina, a seguito di un allarme per un attacco missilistico, mentre il governatore della regione, Vyacheslav Gladkov, su Telegram ha fatto appello agli abitanti a cercare riparo nei rifugi.

Nel frattempo la Polonia ha comunicato che investirà 2,3 miliardi di euro per fortificare il confine orientale con l'Ucraina. Lo ha detto il primo ministro polacco Donald Tusk. "Abbiamo deciso di investire 10 miliardi di zloty (pari a circa 2,34 miliardi di euro, ndr) nella nostra sicurezza e soprattutto nella protezione del nostro confine orientale", ha dichiarato Tusk alla stampa presentando il progetto "Scudo orientale", che prevede un sistema di fortificazioni al confine con Russia e Bielorussia.

0 CONDIVISIONI
4311 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views