274 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

Gaza, l’allarme dell’Onu: “Fame utilizzata come arma da Israele, questo è un crimine di guerra”

L’Onu accusa Israele per la catastrofe umanitaria a Gaza: “La fame è un crimine di guerra”, ha detto l’alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Volker Türk. Intanto non si arrestano le tensioni con Hamas, distrutto edificio dei media a Gaza City.
A cura di Biagio Chiariello
274 CONDIVISIONI
Palestinesi in fila per ricevere pasti gratuiti nel campo profughi di Jabaliya, Striscia di Gaza
Palestinesi in fila per ricevere pasti gratuiti nel campo profughi di Jabaliya, Striscia di Gaza
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Dopo mesi di avvertimenti, un recente rapporto sostenuto dall'ONU e ha fornito prove statistiche concrete del fatto che la catastrofe umanitaria a Gaza si sta trasformando in una carestia provocata dall’uomo. Ne ha parlato l'alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Volker Türk in un'intervista alla Bbc nella quale ha spiegato come Israele abbia una responsabilità significativa su quanto sta avvenendo nell'enclave palestinese e che esiste un caso "plausibile" secondo cui Netanyahu  & c. stiano usando la fame come arma di guerra a Gaza.

Türk ha affermato che se l'intento fosse dimostrato, ciò equivarrebbe a un crimine di guerra.

Ma il ministro dell’Economia israeliano, Nir Barkat, ha respinto gli avvertimenti di Türk come “totale assurdità, una cosa totalmente irresponsabile da dire”. Così come i suoi colleghi di gabinetto, Barkat ha insistito sul fatto che Israele lascia entrare "tutti" gli aiuti offerti dall'Occidente. Israele sostiene che l'ONU non riesce a distribuire ciò che resta una volta che Hamas si è aiutata.

Tuttavia nelle ultime settimane si sono moltiplicati gli allarmi legati a una catastrofica mancanza di cibo o addirittura a una carestia a Gaza. La lunga fila di camion con aiuti umanitari in coda in attesa di attraversare il valico di Rafah ed entrare nella Striscia è l'immagine tristemente più simbolica di questo dramma.

E qualche giorno fa la disperata ricerca di cibo da parte degli abitanti di Gaza è stata indirettamente causa di un tragedia, a largo della spiaggia di Beit Lahia, sulle coste settentrionali.

Oms: "Incombente carestia a Gaza"

Anche il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha messo in guardia sulla "incombente carestia" nella Striscia di Gaza a causa dei "bombardamenti in corso" da parte delle forze di Israele.

"La fame e le malattie – ha scritto ieri sera Ghebreyesus sul suo account X – continuano a devastare la popolazione. Ora è necessaria un'azione immediata e concertata. Ciò significa: consentire e accelerare la consegna di cibo e di altre fonti nutritive e medicinali; proteggere gli ospedali in modo che i medici possano prendersi cura dei pazienti che soffrono di fame, malattie e lesioni". Il direttore generale dell'Oms ha quindi chiesto "il cessate il fuoco e il pieno accesso umanitario" all'enclave palestinese.

Distrutto edificio dei media a Gaza City

Intanto non si arrestano le tensioni tra Israele e Hamas. Un edificio che a Gaza City ospita diversi media – fra cui Sky News in arabo – è stato colpito il 28 marzo in un raid ed è crollato. Lo ha riferito la agenzia di stampa Shehab News, precisando che non ci sarebbero vittime.

Il palazzo, precisano fonti locali, è situato a breve distanza dalla Piazza del Milite ignoto e dal palazzo del parlamento, che da mesi è ormai in uno stato di rovina.

274 CONDIVISIONI
751 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views