20 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

Chi è Mohammed Deif, il leader militare di Hamas soprannominato il “fantasma” di Gaza

Mohammed Deif è il leader delle brigate Ezzedin al-Qassam, l’ala armata di Hamas: cieco a un occhio e costretto su una sedia a rotelle, è soprannominato “il fantasma di Gaza”. L’esercito israeliano ha tentato di ucciderlo più volte, e sarebbe lui la mente dietro l’attacco di Hamas contro Israele del 7 ottobre 2023.
A cura di Ida Artiaco
20 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Si chiama Mohammed Deif la mentre dietro l'attacco senza precedenti di Hamas contro Israele che dall'alba di sabato 7 ottobre sta provocando la morte di centinaia di persone. Tra i soggetti più ricercati da Israele, è considerato imprendibile visti i numerosi tentativi di ucciderlo a cui è riuscito puntualmente a scappare. Dal settembre 2015 è inserito anche nella lista dei terroristi globali del Dipartimento di Stato americano.

Soprannominato "il fantasma" di Gaza, secondo la Cnn avrebbe inviato il messaggio registrato via telefono, in cui in maniera più articolata ha ordinato ai suoi l'avvio dell'operazione "Alluvione Al-Aqsa" con cui ha chiesto di "liberare al-Aqsa" denunciando la sua "profanazione, attacchi alle donne, e l'assedio di Gaza".

Chi è Mohammed Deif, il leader militare di Hamas

Nato a Khan Younis, città a sud della Striscia di Gaza, più o meno 60 anni fa, Deif è per l'appunto un "fantasma" sia per gli israeliani che per i palestinesi: l'ultima sua foto, che circola in rete, risale al 2001, quando fu rilasciato da un carcere dell'Anp.

Pochissimi hanno contatti diretti con lui e ci sono dubbi persino sulla sua reale identità, ma Mohammad Deif – ma potrebbe non essere questo il suo vero nome – è ufficialmente il comandante militare di Hamas, a cui si è unito a partire dal 1990. Dal 2002 è Capo delle Brigate Ezzedin al-Qassam, braccio armato di Hamas. È considerato un allievo di Yaya Hayyash, l’ingegnere macchina degli attacchi suicidi degli anni Novanta ucciso a sua volta da un cellulare imbottito di esplosivo, di cui ha preso poi il posto.

Tutte le volte che Israele ha tentato di ucciderlo

Negli ultimi 20 anni è sopravvissuto a diversi tentativi israeliani di assassinarlo. In un raid nel 2014, ad esempio, un razzo israeliano oltre che un occhio, gli portò via la moglie, una figlia di 3 anni e il figlioletto di sette mesi, mentre il più recente tentativo conosciuto di eliminarlo risale all'operazione "Guardiano delle Mura" nel 2021. Si ritiene anche che sia costretto a vivere su una sedia a rotelle sempre a causa di uno dei tentativi di ucciderlo.

Immagine
20 CONDIVISIONI
734 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views