81 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

A Gaza 300mila persone sopravvivono con una lattina di fagioli al giorno. Lo dice l’Oxfam

Una crisi umanitaria devastante quella che vive la popolazione nel nord della Striscia di Gaza. A denunciarla oggi è l’associazione Oxfam: 300mila sopravvivono con 245 calorie al giorno. Meno del 12% del fabbisogno calorico necessario.
A cura di Biagio Chiariello
81 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

In sei mesi di guerra a Gaza la situazione è diventata sempre più drammatica. Sono almeno 300 mila le persone intrappolate nel nord della Striscia  costrette a sopravvivere potendo consumare cibo per circa 245 calorie al giorno a testa, l’equivalente di 100 grammi di pane o di una lattina di fagioli. Vale a dire, meno del 12% del fabbisogno calorico necessario di 2.100 calorie a persona, calcolato sulla base di dati demografici che tengono conto delle variazioni per età e sesso. A denunciarlo è stato Oxfam, traendo i dati da un recente rapporto sulla classificazione integrata delle fasi della sicurezza alimentare (Ipc).

Secondo le stime dell'associazione entrano attualmente a Gaza meno della metà dei camion con gli aiuti alimentari minimi: 105 contro i 221 utili a non privare la popolazione del cibo necessario per sopravvivere. E nel quadro di una crisi umanitaria già terrificante, il Governo israeliano ha stabilito che nessun convoglio di aiuti dell’Unrwa – la principale agenzia umanitaria dell'enclave palestinese – potrà più entrare nel nord di Gaza.

Oxfam cita una donna, residente a Gaza: "Prima della guerra eravamo in buona salute e avevamo un corpo forte. Ora, guardando me e i miei figli, abbiamo perso così tanto peso visto che non mangiamo cibo adeguato, cerchiamo di mangiare qualunque cosa troviamo, piante selvatiche commestibili o erbe ogni giorno solo per sopravvivere".

“Analizzando i dati – spiega Paolo Pezzati, portavoce per le crisi umanitarie di Oxfam Italia – si scopre inoltre come dallo scorso ottobre il totale degli aiuti alimentari di cui è stato consentito l’ingresso in tutta Gaza è servito a garantire appena il 41% delle calorie necessarie ai 2,2 milioni di abitanti, che in questo momento rischiano di morire di fame. Sono almeno 20 anni però che le autorità israeliane hanno ben chiaro cosa è necessario fare per prevenire la malnutrizione nella Striscia, visto che sono loro a decidere la tipologia e la quantità di cibo che può entrare in br ad età e genere, oltre che la capacità presunta di produrre cibo. Ma al momento non ne sta più tenendo in conto”.

81 CONDIVISIONI
838 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views