279 CONDIVISIONI
Covid 19
1 Dicembre 2021
13:33

Vaccino Covid ai bambini, Crisanti: “Sono favorevole, ma avremmo dovuto attendere i dati americani”

Andrea Crisanti: “Visto che le dosi pediatriche non sono disponibili non c’è sicuramente fretta, aspettando due settimane avremmo avuto i dati americani su circa un milione di casi”.
A cura di Davide Falcioni
279 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Non ha mai nascosto il suo scetticismo verso l'approvazione del vaccino Covid Pfizer per i bambini. Per questo Andrea Crisanti, professore di microbiologia all'Università di Padova, è tornato a commentare la decisione dell'EMA di dare il via libera in Europa all'immunizzazione dei più piccoli dai 5 agli 11 anni:  "Io sono favorevole ai vaccini, e sono favorevole alla vaccinazione anche dei bambini". Tuttavia "visto che le dosi pediatriche non sono disponibili – ha detto lo scienziato a L'Aria Che Tira – non c'è sicuramente fretta, aspettando due settimane avremmo avuto i dati americani su circa un milione di casi, che sono un po' di più dei 2mila casi dello studio della Pfizer, e avremmo dato sicurezza a tutti quanti". Crisanti ha comunque precisato che la sua "non è la posizione di un No Vax", ribadendo al contrario che temporeggiare qualche settimana avrebbe contribuito a convincere i genitori scettici: "Lei pensa che una mamma si convince con 2mila casi o con un milione? Il vaccino anti poliomelite è stato approvato dopo essere stato testato su un milione e mezzo di bambini".

Già all'indomani dell'approvazione del vaccino anti Covid ai bambini Crisanti aveva espresso perplessità, sostenendo che avrebbe preferito da parte dell'ente regolatore una linea di maggior prudenza e attendismo: "Non c'è fretta", aveva dichiarato al Corriere. "La fretta bisogna averla invece nel somministrare le terze dosi. Avere abbreviato i tempi è una mossa giustissima. In questo modo si anticipa il calo dell'immunità. Dopo sei mesi la protezione dall'infezione diminuisce dal 95 al 40%, quella dalla malattia dal 90 al 65%. Quindi se le difese vengono ripristinate dovremmo metterci al sicuro. È l'assoluta priorità. Bisogna fare presto". Poi, sempre in merito al vaccino Pfizer per uso pediatrico, aveva aggiunto: "L'autorizzazione da parte dell'agenzia europea Ema è basata su uno studio che ha coinvolto circa duemila bambini. Una casistica limitata. Dal mio punto di vista e di altri colleghi con questi numeri si dovrebbe parlare al massimo di studio preliminare".

279 CONDIVISIONI
29776 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni