I coniugi bolzanini Peter Neumair e Laura Perselli, scomparsi nel nella da due settimane, sarebbero stati uccisi e a commettere l'omicidio potrebbe essere stato il figlio Benno. La clamorosa svolta nel caso è arrivata nelle ultime ore ed era stata annunciata ieri stesso dagli inquirenti, che hanno posto sotto sequestro la casa della coppia iscrivendo il figlio trentenne nel registro degli indagati con le accuse di omicidio e occultamento di cadavere. Gli agenti della Polizia Scientifica hanno passato al setaccio il giardino dell'abitazione ed è lì che i corpi potrebbero essere stati nascosti, anche se maggiori conferme arriveranno solo nelle prossime ore.

Peter Neumair e Laura Perselli
in foto: Peter Neumair e Laura Perselli

Secondo gli inquirenti a commettere il delitto potrebbe essere stato Benno Neumair, istruttore di fitness, figlio della coppia e primo a denunciarne la scomparsa un paio di settimane fa: il giovane sarebbe finito subito nel mirino degli investigatori che ne avevano riscontrato un comportamento anomalo, raccogliendo testimonianze secondo le quali i suoi rapporti con la famiglia erano piuttosto burrascosi. Anche nelle scuole in cui lavorava erano sorti dei sospetti sul giovane a causa di alcuni episodi sgradevoli e, dopo la notizia della scomparsa dei genitori, diversi genitori avevano firmato una lettera chiedendo che l’insegnante venisse rimosso. Secondo gli inquirenti potrebbe aver ucciso lui il padre e la madre Peter Neumair e Laura Perselli per poi occultarne i corpi in giardino.

Stando a quanto accertato Peter Neumair e Laura Perselli  nel tardo pomeriggio del 4 gennaio sono usciti dalla loro casa di  via Castel Roncolo 22, a Bolzano, per fare una passeggiata. I due però non hanno più fatto ritorno e in un primo momento gli inquirenti hanno ipotizzato che fossero stati aggrediti oppure travolti dall’enorme frana che due martedì fa aveva investito l’hotel Eberle. Visto che i riscontri erano stati negativi le ricerche si erano concentrate sui fiumi Adige e Isarco fino a Salorno e da Roverè fino alla diga di Mori. Ieri pomeriggio, infine, la svolta e l'accusa di omicidio rivolta a Benno, figlio della coppia.