L'immunologo e consulente della Casa Bianca Anthony Fauci ha detto che negli Stati Uniti si vaccinano con Pfizer gli adolescenti dai 12 anni in su. Lo stesso potrebbe avvenire a breve anche nel nostro Paese, perché "i dati che noi abbiamo sono molto sicuri": "Credo che il via libera alle vaccinazioni da questa età verrà dato molto presto anche in Italia e altrove". Lo ha detto in un'intervista da Fabio Fazio a ‘Che tempo che fa'.

L'esperto ha detto che la pandemia non è stata sconfitta: "Non credo si possa eliminare il Covid. Possiamo controllarlo. Dovremo continuare a vaccinare con richiamo ogni anno o anno e mezzo. Ma possiamo interrompere questa pandemia, possiamo ridurre le infezioni in modo che non sia più una minaccia pubblica". Fauci ha ricordato che un solo agente patogeno è stato finora eradicato, quello del vaiolo.

L'immunologo ha aggiunto che comunque "bisogna evitare di dichiarare una vittoria prematura" sulla pandemia. "Non abbiamo ancora vinto questa battaglia. Ma a differenza dell'anno scorso – ha aggiunto – ora abbiamo i vaccini. Se la maggior parte della popolazione sarà vaccinata riusciremo a ridurre le misure di sicurezza".

Alla domanda su un'eventuale ripresa improvvisa della pandemia che costringerebbe a nuove chiusure, Fauci ha risposto così: "C'è sempre questa possibilità se facciamo le cose che non dobbiamo fare. Ma se stiamo attenti e continuiamo a vaccinare e non togliamo le limitazioni fino a quando la stragrande maggioranza della popolazione sarà vaccinata, ne usciremo. Ma bisogna procedere a piccoli passi, non è qualcosa che si può spegnere come l'interruttore della luce". 

Per quanto riguarda invece il vaccino anti-Covid da assumere in pillole "non è ancora una realtà", ha spiegato, ma "ci stiamo lavorando insieme a Pfizer". 

Secondo Fauci òe persone completamente vaccinate possono diventare il "vicolo cieco per il virus" e non contagiare nessuno, anche se non indossano la mascherina. Parlando alla Cbs, l'immunologo ha anche spiegato che i "vaccinati possono andare senza mascherina" anche se si tratta di casi asintomatici di Covid, perché il "livello di virus è molto più basso" a livello nasale e faringeo. "In questo modo – ha aggiunto – è estremamente improbabile, non impossibile, ma poco, davvero poco probabile che possano trasmettere il virus, perché rappresentano un vicolo cieco per il Covid".