22 Ottobre 2021
10:04

La pandemia di Covid-19 ha ucciso 180mila operatori sanitari nel mondo

Fino a 180mila operatori sanitari sono stati uccisi dalla pandemia di Covid-19 secondo quanto riportato in un report dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità. E l’Italia si colloca al 7° posto nel mondo per numero di morti tra gli operatori sanitari e assistenziali, con una media di 3.970 decessi. I vertici dell’Oms hanno invitato i governi degli Stati membri a promuovere azioni concrete di salvaguardia della salute dei sanitari contro il Covid ma non solo.
A cura di Chiara Ammendola

Secondo l'Oms, l'l'Organizzazione mondiale della sanità, fino a 180mila gli operatori del settore sanitario sono stati uccisi dal Covid-19. Si stima che in tutto il mondo ci siano 135 milioni di operatori della sanità e che tra gennaio 2020 e maggio 2021 sarebbero in media 115.500 gli operatori sanitari che hanno perso la vita a causa della pandemia, una stima mediana ritenuta attendibile tra un valore minimo di 80mila morti e un massimo di 180mila. E l'Italia si colloca al 7° posto nel mondo per numero di morti tra gli operatori sanitari e assistenziali, con una media di 3.970 decessi.

Per questo l'Oms ha diramato una nota attraverso la quale invita i governi degli Stati membri a promuovere azioni concrete di salvaguardia della salute dei sanitari contro il Covid ma non solo. Gli operatori sanitari vanno difesi anche da altri problemi di salute come burnout, stress, ansia e affaticamento. I dati provenienti da 119 paesi suggeriscono che a settembre 2021 in media due operatori sanitari e sanitari su cinque sono completamente vaccinati, con notevoli differenze tra le regioni e i gruppi economici: uno su 10 in Africa e nelle regioni del Pacifico occidentale, otto su 10 nei paesi ad alto reddito. “Abbiamo l'obbligo morale di proteggere tutti gli operatori sanitari e di assistenza, garantire i loro diritti e fornire loro un lavoro dignitoso in un ambiente di pratica sicuro e abilitante. Ciò deve includere l'accesso ai vaccini" , ha affermato Jim Campbell, direttore del Dipartimento della forza lavoro sanitaria dell'OMS che ha sottolineato come "oltre ai vaccini, la ripresa economica e tutti i nuovi investimenti nella preparazione e nella risposta alle emergenze devono dare la priorità alla formazione e al reclutamento di nuovi operatori sanitari e di assistenza".

In tutto meno del 5 per cento della popolazione africana è stata vaccinata, rispetto al 40 per cento deltri continenti. Il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus, dal canto suo, ha invitato tutti gli operatori sanitari a vaccinarsi e ha criticato la distribuzione ingiusta dei vaccini. "Le nostre stime hanno lo scopo principale di stimolare una maggiore azione dei governi. Non possiamo permetterci di perdere più operatori sanitari e di assistenza e il nostro mondo non si riprenderà dalla pandemia senza investimenti sostenibili a lungo termine nella forza lavoro sanitaria ", ha affermato Catherine Duggan, a capo della International Pharmaceutical Federation.

In Africa casi covid in aumento ma solo un operatore sanitario su 4 è stato vaccinato
In Africa casi covid in aumento ma solo un operatore sanitario su 4 è stato vaccinato
Ospedale del Mare, via 75 operatori sanitari: "Licenziati con sms, per l'Asl Napoli 1 il Covid è finito"
Ospedale del Mare, via 75 operatori sanitari: "Licenziati con sms, per l'Asl Napoli 1 il Covid è finito"
106.692 di AntonioMusella
Perché i casi Covid sono in aumento a Singapore, nonostante sia tra i luoghi più vaccinati al mondo
Perché i casi Covid sono in aumento a Singapore, nonostante sia tra i luoghi più vaccinati al mondo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni