585 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Giada Zanola uccisa a Vigonza

Giada Zanola gettata dal cavalcavia, il fratello a Fanpage: “Sapevo delle liti, ma non sembrava pericoloso”

Parla a Fanpage.it il fratello di Giada Zanola, Daniel: “Sapevo della crisi, ma Giada non si confidava, forse per paura del giudizio. Il suo compagno non sembrava pericoloso, mai avremmo immaginato quanto è successo”.
A cura di Chiara Daffini
585 CONDIVISIONI
Giada Zanola e Andrea Favero
Giada Zanola e Andrea Favero
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

È arrivata nelle prime ore del mattino di oggi la svolta nelle indagini sulla morte di Giada Zanola, 34enne di origini bresciane ma residente in Veneto, che all'alba del 29 maggio ha perso la vita dopo essere stata spinta dal cavalcavia dell'autostrada A4, nel Padovano, all'altezza di Vigonza. Prima il volo di 15 metri, poi lo schianto e, ancora, il suo corpo investito dai mezzi in transito sulla carreggiata in direzione Milano.

Una morte tragica, che all'inizio era stata classificata come un suicidio. Nel corso delle ore, tuttavia, gli inquirenti hanno stretto il cerchio attorno al compagno della donna, il 39enne Andrea Favero, padovano, che dopo diverse incongruenze nella ricostruzione dei fatti, è crollato confessando di aver ucciso la compagna in seguito a una lite.

"Sapevo delle crisi con il compagno, ma Andrea non mi aveva assolutamente dato l'impressione di essere una persona pericolosa", ha commentato il fratello della vittima, Daniel, a Fanpage.it.

Andrea Favero
Andrea Favero

Interrogato dal pm, Favero avrebbe descritto il proprio disagio per la relazione ormai in crisi, manifestando la preoccupazione di non poter più vedere il figlio di tre anni avuto con la donna.

"Per comprendere la reale dinamica dei fatti – scrive la Questura di Padova in una nota – le indagini si sono concentrate sui rapporti interni alla coppia. Si è così scoperto che negli ultimi tempi la relazione tra i due era in crisi e si erano verificate violente liti. In effetti sul giovane 39enne sono stati trovati lividi ed escoriazioni riconducibili verosimilmente a episodi di violenza".

Della crisi tra i due sarebbe stata a conoscenza anche la famiglia della vittima. "Sapevo delle tensioni – dice a Fanpage.it il fratello di Giada, Daniel Zanola -, ma mai avrei immaginato quanto è successo".

"In questo momento – continua il giovane, con cui la ragazza viveva fino al 2016 a Folzano, in provincia di Brescia – sono sovrastato dalle emozioni e dai pensieri, non riesco a capacitarmi di nulla".

Giada Favero
Giada Favero

"Giada con me si confidava poco, forse per paura del mio giudizio o per paure sue – ricorda ancora Daniel -. Ero a conoscenza della crisi con il compagno, ma Andrea non mi aveva assolutamente dato l'impressione di essere una persona pericolosa".

La famiglia di Giada è in queste ore in Questura a Padova per rispondere alle domande degli inquirenti, intanto al termine dell'interrogatorio, per Favero è stato disposto il fermo di indiziato di delitto per omicidio volontario aggravato. L’uomo è stato accompagnato in carcere in attesa dell'udienza di convalida del fermo da parte del gip.

585 CONDIVISIONI
24 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views