1101

condivisioni

CONDIVIDI
Incidente Funivia Stresa-Mottarone
28 Maggio 2021 21:31

Funivia Mottarone, svolta nelle indagini: trovato il capo della fune spezzato: ha ceduto la testa fusa

I periti tecnici incaricati dagli inquirenti della Procura di Ivrea sono riusciti a individuare il capo della fune spezzato che insieme alla disattivazione del freno di emergenza è alla base della strage. Si tratta della cosiddetta testa fusa, la parte che tiene insieme le due estremità del cavo trainante. Il cavo della funivia dunque non sarebbe stato tranciato di netto ma si sarebbe consumato poco alla volta.
A cura di Antonio Palma
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Incidente Funivia Stresa-Mottarone

Svolta nelle indagini sulla tragedia della funivia Mottarone Stresa in cui hanno perso la vita 14 persone. In queste ore i periti tecnici incaricati dagli inquirenti della Procura di Ivrea sono riusciti a individuare il capo della fune spezzato che insieme alla disattivazione del freno di emergenza è alla base della strage. Il punto di rottura del cavo trainante coincide con la porzione rinchiusa nella morsa di acciaio che tiene unite le due estremità della fune. Si tratta della cosiddetta testa fusa, una porzione del cavo ritenuta tra le più deboli dell'intera struttura e per questo tra le ipotesi principali emerse nei giorni scorsi come possibile motivo alla base della tragedia.

Funivia Mottarone Stresa: ha ceduto la testa fusa

La Testa fusa infatti è la parte meno controllabile dell'intero cavo la cui analisi è svolta periodicamente a vista da un tecnico specializzato a non affidata alla verifica magneto-induttiva delle funi che in quel punto non è in grado di verificarne l’integrità. Secondo quanto emerso dai primi rilievi effettuati nelle scorse ore sul posto e come si vede dalle immagini riprese dal Tg1,  il cavo della funivia si sarebbe spezzato nella parte attaccata alla cabina ma non sarebbe stato tranciato di netto ma si sarebbe consumato poco alla volta con i vari fili di acciaio che mano a mano si sarebbero sfilacciati cedendo infine domenica scorsa.

Sarebbe stata sostituita tra cinque mesi

L'ultima verifica sul cavo era stata effettuata il 5 novembre 2020 quando era stato effettuata proprio verifica magneto-induttiva attraverso una ditta specializzata che aveva verificato tutte le funi dell'impianto. Per legge però proprio la testa fusa, meno controllabile, andrebbe sostituita ogni cinque anni e i gestori dell'impianto avrebbero dovuto sostituirla tra cinque mesi.  Ora resta da capire se effettivamente nessuno si sia accorto dell'elevata usura e perché. Secondo quanto emerso dalle ultime indagini, da giorni nella cabina della funivia crollata si sentivano strani rumori metallicima sui report redatti dopo ogni controllo di routine  non erano stati annotati problemi. Nella richiesta di custodia cautelare, i pm scrivono che il responsabile dell'attività avrebbe invece sentito il rumore caratteristico della perdita di pressione del sistema frenante della cabina ripetersi ogni due-tre minuti prima del disastro.

Continua a leggere su Fanpage.it
Bologna, studentessa No Green pass non esce dall’aula, lezione annullata: “Insultata dai compagni”
Studentessa no Green pass di Bologna torna in aula: lezione di nuovo sospesa, arrivano i Carabinieri
Green pass, la denuncia: "Carabinieri sprovvisti cacciati dagli alloggi". L'Arma: "Seguito il Dpcm"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni