1581

condivisioni

CONDIVIDI
Delitto di Avetrana: l'omicidio di Sarah Scazzi
21 Gennaio 2020 19:03

Delitto di Avetrana: Ivano Russo condannato a 5 anni, Michele Misseri a 4 anni

Il tribunale di Taranto ha condannato a 4 e 5 anni di reclusione Michele Misseri e Ivano Russo nel processo-bis sui falsi testimoni legato all’omicidio di Sarah Scazzi,la studentessa 15enne di Avetrana. entrambi son stati ritenuti colpevoli di aver mentito nel processo principale. Misseri si è incolpato ingiustamente dell’omicidio nel tentativo di scagionare moglie e figlia.
A cura di Antonio Palma
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Delitto di Avetrana: l'omicidio di Sarah Scazzi

Cinque anni di reclusione per Ivano Russo e 4 anni per Michele Misseri, si conclude così il processo bis per l'omicidio di Sarah Scazzi, il cosiddetto delitto di Avetrana. È questa infatti la sentenza di condanna emessa oggi dal tribunale di Taranto nei confronti del giovane e di zio Michele che erano imputati insieme ad altre persone per aver dichiarato il falso nel processo principale. Il processo bis sul delitto di Sarah Scazzi è il secondo filone della triste vicenda giudiziaria di Avetrana, la cittadina dove venne uccisa la giovanissima 15enne. Per l'assassinio sono state già condannate in via definitiva all'ergastolo Cosima Serrano e Sabrina Misseri, rispettivamente zia e cugina di Sarah.

L'accusa per Ivano Russo, considerato al centro della contesa tra Sabrina Misseri e Sarah Scazzi, è di aver mentito su quanto accadde il giorno del delitto, il 26 agosto 2010. Ad accusarlo tra gli altri era stata anche la sua fidanzata dell'epoca secondo la quale il giovane avrebbe dichiarato il falso quando ha raccontato che il giorno dei fatti era a casa a dormire. "Ivano ha mentito, quando Sarah fu uccisa uscì di casa" ha affermato la ragazza. Secondo i giudici, la morte di Sarah Scazzi sarebbe da ricondurre proprio agli screzi in corso tra la 15enne e la cugina attorno alla figura di Ivano. A quel tempo infatti le due cugine frequentavano la stessa comitiva in cui vi era anche il ragazzo. Ivano però avrebbe mentito sul suo ruolo e sui suoi spostamenti si ai pm che in tribunale

Per il Tribunale a uccidere Sarah Scazzi furono la zia Cosima Serrano e la cugina Sabrina Misseri che accusavano l'adolescente di aver riferito in paese particolari riguardanti un incontro intimo tra Ivano e Sabrina, nel corso del quale la ragazza si sarebbe sentita in qualche modo ‘rifiutata' da Ivano. Nel processo principiale è stato prosciolto dall'accusa di omicidio invece Michele Misseri, marito e padre delle due condannate. L'uomo si è sempre autoaccusato ma gli inquirenti non hanno creduto alla sua versione ritenendolo responsabile solo dell'occultamento del corpo di Sarah, fatto sparire nel pozzo di un fondo agricolo di Avetrana, e per questo già condannato a 8 anni. L'uomo dunque avrebbe mentito ai giudici  incolpandosi ingiustamente dell’omicidio nel tentativo di scagionare moglie e figlia ed è stato condannato per autocalunnia.

Nello stesso processo per depistaggio condannate anche altre nove persone. Tre anni e sei mesi di reclusione a Dora Serrano (rispondeva di calunnia contro i carabinieri in quanto, secondo l’accusa, si sarebbe inventata le molestie subite da Michele Misseri quando era minorenne) e Giuseppe Serrano (calunnia contro i carabinieri), fratelli di Concetta e Cosima (mamma e zia di Sarah); tre anni di reclusione per falsa testimonianza ad Alessio Pisello (amico di Ivano e Sabrina), Anna Scredo (cognata del fioraio Giovanni Buccolieri, autore del `sogno´ sul sequestro di Sarah) Maurizio Misseri (un nipote di Michele) e sua madre Anna Lucia Pichierri; tre anni e due mesi invece per Giuseppe Augusto Olivieri; 3 anni a Elena Baldari e 2 anni e mezzo a Claudio Russo, la mamma e il fratello di Ivano Russo. Assolta, invece, l’ex fidanzata di Russo, Antonietta Genovino.

Continua a leggere su Fanpage.it
Patrizia, sopravvissuta alle botte dal marito, risponde a Palombelli: "Nessuna se la va a cercare"
Bidella senza green pass va scuola e arrivano i carabinieri: "Non ho soldi per tampone ogni 2 giorni"
Green pass obbligatorio, parte la raccolta firma per un referendum abrogativo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni