1.427 CONDIVISIONI
Ultime notizie su Sara Pedri, ginecologa scomparsa a Trento
23 Giugno 2022
09:13

“Ciao Sarì, oggi non sei più sola”: il messaggio della sorella di Sara Pedri per il suo compleanno

Per il 33esimo compleanno della ginecologa scomparsa a Cles (Trento) a marzo 2021, la famiglia Pedri ha organizzato un’iniziativa pubblica “per farle arrivare tutto l’amore, le parole e l’affetto che le sono mancate”. Giovedì 23 giugno, dalle 17 in poi, “C’è posta per Sara”. Ne parla a Fanpage.it Emanuela Pedri.
1.427 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ultime notizie su Sara Pedri, ginecologa scomparsa a Trento

Il 23 giugno Sara Pedri, la ginecologa scomparsa nei pressi di Cles (Trento) il 4 marzo 2021, avrebbe compiuto 33 anni. Per l’occasione la famiglia ha organizzato una serie di iniziative che comprenderanno la lettura di pensieri scritti per Sara al parco urbano di Forlì, dove è stata installata una cassetta postale in cui chiunque potrà lasciare un pensiero per la giovane, che secondo molte testimonianze sarebbe stata vittima di gravi episodi di mobbing sul luogo di lavoro.

“Sara si è sentita profondamente sola nell’ultima fase della sua vita, prima di scomparire – dice la sorella Emanuela a Fanpage.it – ma oggi non è più così. Oggi Sara non è sola". Questo il senso di leggere delle testimonianze scritte: "Perché le parole volino fino a lei, la raggiungano e la facciano sentire profondamente amata”.

"Posta per Sara"

“L’idea di ‘Posta per Sara’ è venuta a mia madre – spiega Emanuela – e io me ne sono subito innamorata. Per la realizzazione della cassetta postale, mi sono ricordata di un negozio che ho scoperto per caso una volta che mi trovavo a Cesena. Passai davanti a una vetrina che mostrava bellissime e coloratissime ‘casine' fatte a mano.

Ho poi saputo che gli artefici erano i ragazzi del Laboratorio creativo ‘Le Casine’ della Fondazione En.A.I.P. e  ho chiesto loro se potevano costruirne una per il compleanno di Sara. Ora si trova accanto all’albero dedicato a lei, al parco urbano di Forlì, e non vediamo l’ora di leggere i pensieri che le sono stati rivolti, questo pomeriggio”.

Naturalmente, anche Emanuela ha scritto una lettera per il compleanno di Sara, che leggerà oggi, alla presenza di familiari, amici e di chiunque sia interessato al caso Pedri. Una giornata intera, questo 23 giugno 2022, che per la famiglia della ginecologa scomparsa rappresenta "un abbraccio virtuale e collettivo" alla neo trentatreenne, che sarebbe rimasta schiacciata dalle molestie e dalle umiliazioni che subiva quasi quotidianamente all’interno del reparto in cui lavorava, all’Ospedale Santa Chiara di Cles.

“Episodi – insiste Emanuela Pedri – che le hanno fatto credere di non valere nulla come medico”. “ E per una giovane donna come Sara – ambiziosa, in carriera, caparbia – questo è stato devastante”.

Sara Peri e la sorella Emanuela
Sara Peri e la sorella Emanuela

“Mia sorella ha passato molti mesi in un ambiente che l’ha isolata, lontana dalla sua famiglia, dai suoi affetti e da chi, con un gesto o una parola, avrebbe potuto consolarla. Oggi, noi quei gesti e quelle parole vogliamo dedicarglieli”. La cosa più importante, per la famiglia Pedri, è che “Sara non venga dimenticata”. “Che il suo caso – prosegue Emanuela – continui ad interessare e ad animare un dibattito pubblico” verso l’abbattimento "di quell’odioso fenomeno che è il mobbing".

Perché, non si stanca di ripetere Emanuela Pedri, “in Italia ci sono tante Sara, che vivono ogni giorno situazioni simili”. “C’è un film – conclude – che si chiama ‘Parlami d’amore’. Ecco, noi oggi, a Sara, parleremo, insieme, d’amore. Perché non si senta mai più sola. Buon compleanno, Sarì”.

1.427 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni