9 Luglio 2016
17:13

Cerca di catturare un Pokémon, ma trova un cadavere: la storia di Shayla

La ragazza di 19 anni stava giocando a Pokémon GO, una app di realtà aumentata che porta a cercare nel mondo reale dei personaggi di fantasia. E così ha trovato un cadavere in un fiume dietro casa sua.
A cura di Giorgio Scura

Una strana storia arriva dallo Wyoming, negli Stati Uniti, dove una ragazza Shayla Wiggins, di 19 anni, ha trovato un cadavere che galleggiava nel fiume nel tentativo di catturare un Pokemon nel gioco mobile di realtà aumentata Pokémon GO.

Shayla stava usando l'app del telefono mobile per trovare un Pokémon virtuale, ma invece ha trovato un cadavere vicino casa: "Stavo cercando di ottenere un Pokémon da una risorsa di acqua naturale. Stavo camminando verso il ponte da solo la riva quando ho visto qualcosa nell'acqua e sono rimasta sconvolta. All'inizio non ho capito subito di cosa si trattasse, poi ho capito che era un corpo."

L'adolescente ha descritto l'incidente come "scioccante" e ha immediatamente chiamato le autorità per indicare ciò che aveva trovato. Ha detto che il corpo galleggiava a circa un metro dalla riva e sembrava il corpo di un uomo che si stima fosse lì da meno di 24 ore.

Pokémon GO è un nuovo gioco di realtà aumentata gratuito che permette di catturare i Pokémon vituali nascosti in luoghi del mondo reale.

Costruito come un'avventura di realtà aumentata, Pokémon GO è fondamentalmente una caccia al tesoro di vita reale e progettato per portare i giocatori fuori di casa.

I giocatori possono eseguire la scansione dell'ambiente circostante mentre sono fuori e sono fortunati, un Pokémon selvatico potrebbe comparire sul loro schermo per farsi afferrare. Il gioco sta avendo un grandissimo successo.

"Volete resa della Russia, voi dalla parte sbagliata della storia": l'ultima della senatrice Granato
Si suicida in casa e nessuno lo cerca più dopo la morte: cadavere scoperto per caso 40 giorni dopo
Si suicida in casa e nessuno lo cerca più dopo la morte: cadavere scoperto per caso 40 giorni dopo
Elena Del Pozzo, la rabbia dei nonni paterni:
Elena Del Pozzo, la rabbia dei nonni paterni: "Avevamo creduto alla madre, chi ha sbagliato pagherà"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni