7.008 CONDIVISIONI
Peter Neumair e Laura Perselli uccisi a Bolzano
20 Marzo 2021
18:54

Benno Neumair: “Papà mi dava del fallito, così l’ho zittito. Poi ho ucciso la mamma”

La confessione di Benno Neumair riportata nel verbale nelle mani degli inquirenti. Il 30enne racconta di aver ucciso il padre dopo che quest’ultimo gli aveva dato del fallito. Dopo averlo strangolato, racconta, ha sentito sua madre rientrare e l’ha uccisa nello stesso modo. “Senza neanche salutarla”, dice.
A cura di Gabriella Mazzeo
7.008 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Peter Neumair e Laura Perselli uccisi a Bolzano

Venti minuti di follia nei racconti di Benno Neumair, il 30enne accusato di aver ucciso i genitori Laura Perselli e Peter Neumair a Bolzano il 4 gennaio scorso. La cronologia del delitto è stata ricostruita dal figlio 30enne, ora in carcere con l'accusa di duplice omicidio mentre gli inquirenti indagano sulla possibilità di una premeditazione. "Papà mi rinfacciava che non valevo niente – racconta il giovane nei verbali riportati da Corriere della Sera -. Si parlava delle mie responsabilità, di mia sorella…Mi sono sentito alle strette e mi sono rifugiato in camera mia. A quel punto vengo incalzato anche se volevo stare in pace. Volevo solo il silenzio. Così l'ho zittito. Ho preso dalla bacinella di plastica dei miei attrezzi la prima corda di arrampicata che ho trovato".

I due avevano discusso animatamente quel giorno e tutto era partito da un motivo apparentemente banale: il turno per portare fuori il cane della nonna. In poco tempo si era arrivati a discutere di responsabilità e di soldi. Secondo Benno, suo padre quel giorno sarebbe entrato in camera e lo avrebbe svegliato, insistendo per farlo uscire di casa. Alla base vi era la necessità di portare a spasso il cane della nonna. "Mio padre voleva che aiutassi di più in casa" ha spiegato. La nonna era ricoverata in ospedale e proprio quel giorno ne sarebbe uscita. Quando è esplosa la prima discussione sulla necessità di aiutare in casa, Benno racconta di essersi rifugiato nella sua stanza per non dover litigare oltre. Lì avrebbe acceso il computer e si sarebbe addormentato.

Peter Neumair e Laura Perselli
Peter Neumair e Laura Perselli

Tempo dopo è entrato Peter, che lo ha svegliato e ha continuato a insistere sulla mancata collaborazione di Benno nell'economia domestica. Pochi minuti, perché poi l'argomento principale della discussone sono diventati i soldi. "Ai miei genitori davo 350 euro di affitto da quando sono tornato a Bolzano – ha raccontato Benno -. Mio padre voleva che prendessi l'appartamento di sotto, altrimenti mi avrebbe chiesto 700 euro a partire da gennaio. Io avevo risposto che non era giusto, mentre lui insisteva che dovevo uscire di casa e che mia sorella si pagava già da sola un appartamento in Germania. Io mi sentivo male dentro". Il litigio è andato avanti fino all'atto estremo di Benno. "L'ho zittito con una corda. Eravamo in corridoio, siamo cascati insieme per terra e non so se l'ho strozzato da dietro o da davanti. Ho stretto molto forte, poi sono rimasto seduto o sdraiato in corridoio. Ha suonato il cellulare e probabilmente ho risposto. Poi mi sono sentito di nuovo agitato quando ho sentito il rumore del cellulare e del chiavistello. Mi sono mosso verso la porta con ancora il cordino in mano. Mia mamma è entrata in casa e mi è venuto di fare la stessa cosa, senza neppure salutarla".

7.008 CONDIVISIONI
Colluttazione in carcere per Benno Neumair:
Colluttazione in carcere per Benno Neumair: "Ha cercato di strangolare un compagno di cella"
Benno Neumair, l'audio della madre all'amica:
Benno Neumair, l'audio della madre all'amica: "Ho paura, dentro di lui c'è una bestia"
Benno Neumair, periti divisi su seminfermità mentale. La sorella Madè:
Benno Neumair, periti divisi su seminfermità mentale. La sorella Madè: "Lui testimone inaffidabile"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni