"Quando ho visto che mi attaccava ho avuto molto paura poi mi sono detta non oggi … non c'era altro modo, o me o lei " così un donna statunitense di 46 anni, DeDe Phillips, ha raccontato l'incredibile avventura che le è capitata alcuni giorni fa accanto al suo camioncino nel vialetto di casa nella contea di Hart, nello stato della Georgia. La donna infatti ha avuto un incontro molto ravvicinato con una lince rossa che alla fine si è concluso con l'uccisione dell'animale da parte sua a mani nude. La donna si era imbattuta nell'animale selvatico per caso e aveva tirato fuori il telefonino per scattargli una foto. Probabilmente però la lince a questo punti si è sentita in pericolo e si è scagliata  improvvisamente addosso alla 46enne, graffiandola e mordendola.

"Non appena ho fatto il primo passo, ho capito di essere nei guai. Tutto ciò che pensavo era: ‘Non oggi non devo morire'", ha raccontato la donna ai media locali, aggiungendo: "Ha fatto due passi ed era sopra di me. Mi è saltata in faccia". "Istintivamente le ho afferrato la gola, Sapevo che era l'unico modo per uscirne fuori" ha proseguito la 46enne che infine ha stretto il collo del predatore strizzandolo. Poco dopo in suo aiuto è accorso suo figlio con un coltello e che ha pugnalato la lince quattro o cinque volte per assicurarsi che fosse morta. L'attacco ha la lasciato la signora con alcune dita rotte su entrambe le mani e lividi e tagli su tutto il corpo che hanno richiesto cure mediche in ospedale .