Un cane è morto di stenti e caldo dopo che il proprietario l'aveva lasciato sul terrazzo per partire per le vacanze. La scoperta è stata fatta dagli agenti del Nucleo di vigilanza ambientale della polizia municipale di Terni, intervenuti insieme alle guardie zoofile dell’Enpa a seguito di una segnalazione giunta al locale corpo dei vigili urbani.

Il corpo dell’animale è stato ritrovato su un terrazzo in zona di San Valentino. Gli agenti sono entrati dopo avere contattato il proprietario dell'immobile di cui la donna era affittuaria. L’intervento è stato coordinato dal dott. Valentini della Usl veterinaria che ha rimosso il corpo privo di vita del cane. L'animale non aveva accesso all’interno dell’abitazione. Sul terrazzo solo due ciotole completamente vuote e un piccolo contenitore in plastica da cibo ormai essiccato. La serranda della portafinestra tra la terrazza e l’appartamento era abbassata. La proprietaria sarà probabilmente denunciata.

Gli investigatori sono all'opera per capire le cause del decesso e la durata della vacanza della padrona. Il caldo intenso degli scorsi giorni potrebbe essere stata la causa ma anche la mancanza di acqua sufficiente. La donna è attesa in caserma per spiegare quando sarebbe partita e perché ha deciso di lasciare da solo il suo cane. Secondo le prime indiscrezioni la procura intende procedere d'ufficio per maltrattamento e abbandono di animale con l'aggravante della morte dello stesso. Allo stato, sembra che l’animale, fosse stato abbandonato così già da qualche giorno, ma saramno le indagini della Polizia Locale a stabilire come siano andati realmente i fatti. I proprietari del cane rischiano ora la denuncia per uccisione di animali ai sensi dell’articolo 544-bis del codice penale.

L’Enpa ricorda che a Terni vige un’ordinanza di divieto di lasciare gli animali di affezione in terrazzo quando non ci sia accesso all’abitazione e invita i cittadini a segnalare situazioni ritenute anomale.