6.011 CONDIVISIONI
15 Dicembre 2020
14:00

Pomodorino d’Oro: assapora l’eccellenza

Per ambire al podio, un pomodoro deve superare tutti i test con il massimo dei voti. Il “modello” Mutti prevede l’assegnazione di un premio ai migliori raccolti dell’anno e ai migliori agricoltori – a cui viene conferita una ricompensa in denaro da investire nelle proprie attività. Parliamo del “Pomodorino d’Oro”, simbolo concreto dell’impegno dell’azienda e dei suoi agricoltori, che quest’anno ha dovuto impegnarsi ancora di più per superare le difficoltà legate al lockdown e mantenere l’eccellenza. E quando la materia prima è di alta qualità, la soddisfazione arriva fino a tavola: è la ricompensa che i consumatori trovano nel gusto unico del prodotto.
Immagine
A cura di Ciaopeople Studios
6.011 CONDIVISIONI

Vivere in Italia per chi ama la cucina è una vera fortuna: tante ricette, tante spezie, tanti modi di cucinare tramandati da una lunga tradizione regionale. Quel che ci accomuna è una lunga passione per i prodotti buoni e di alta qualità. Ma non è scontato. Non è scontato che si riesca a portare in tavola prodotti di eccellenza, perché non è semplice riconoscerli: bisogna saper leggere l’etichetta, saper acquistare al giusto prezzo e conoscere ciò che sta dietro al prodotto stesso.

Il gusto dell’eccellenza 

Una questione di “conoscenza”, appunto, anch’essa non scontata. Il risultato di questa conoscenza sta nell’armonia di una ricetta realizzata con passione che esplode in bocca, per regalare a chi si ama un momento di gusto da ricordare per sempre: come il pane appena sfornato o dei maccheroni al sugo. Il pomodoro di qualità ha una storia da raccontare, che è bello conoscere per poterla condividere in cucina: si intitola il Pomodorino d’Oro, è stata scritta da Mutti insieme ai suoi migliori agricoltori e inizia dalla valorizzazione del territorio.

Un premio da conoscere 

Come creare qualità, valore e relazioni di fiducia in tutta la filiera fino al consumatore finale? Mutti ha ideato un modello vincente che dà vita a un circolo virtuoso che fa bene alla terra, agli agricoltori, all’azienda e ai consumatori. È un modello fatto di incentivi che stimolano a dare il massimo e a coltivare il pomodoro migliore: l’incentivo più concreto è il Pomodorino d’Oro, un premio in denaro per i migliori 40 agricoltori del Nord Italia e i migliori 24 del Sud Italia che viene reinvestito direttamente sui campi per migliorare ancora di più. Ma il Pomodorino d’Oro è molto più di un premio, è il simbolo di una strada lunga, fatta di scelte responsabili, di impegno, di innovazione e cura quotidiana.

La lunga strada verso la qualità 

Una scelta che inizia dalla selezione delle migliori varietà di pomodoro (100% italiane), coltivate nei territori più vocati dal Nord al Sud Italia, prosegue attraverso la collaborazione con gli agricoltori locali e la condivisione di know-how e strumenti tecnologici innovativi che supportano le scelte quotidiane in campo (come la piattaforma Pomodoro.net) e agevolano il lavoro dell’uomo migliorando la qualità del prodotto finale (come la Raccolta Meccanica, che toglie all’uomo la parte più faticosa e consente una selezione più accurata del frutto attraverso delle selezionatrici ottiche). Una scelta che passa, quindi, dal rispetto di elevati standard qualitativi, tra cui l’adozione dei Disciplinari della Produzione Integrata, un sistema di coltivazione che mira a coniugare la qualità del prodotto finale con la salvaguardia dell’ambiente e della salute dell’uomo, riducendo al minimo le sostanze utilizzate così come il consumo di acqua e di energia.

Valore al lavoro 

Alla base di questo percorso di valorizzazione dei prodotti della terra sta una relazione di fiducia e di scambio continuo tra l’azienda, gli esperti e gli imprenditori agricoli – che conferiscono a Mutti solo i pomodori migliori. Quest’anno assicurare la qualità è stato ancora più difficile, ma il legame tra tutte le parti coinvolte si è rafforzato: l’instabilità dovuta alla pandemia e l’introduzione di nuove misure di sicurezza, hanno richiesto un ulteriore sforzo, per una nuova organizzazione che preservasse gli alti standard qualitativi e la politica dell’azienda. <<Mantenere gli impegni presi è un risultato storico in un momento così difficile e unico sotto tutti i punti di vista, la considero una testimonianza di come la visione di lungo periodo, l’investimento continuo in innovazione e persone, la cura dei terreni e la filiera corta, siano i punti fermi sui quali fare perno, anno dopo anno, per proseguire il nostro percorso alla ricerca della massima qualità possibile>>. Così commenta la chiusura della campagna Francesco Mutti, Amministratore Delegato.

Valore all’impegno 

E infatti i controlli di qualità sono andati avanti, insieme al pagamento di un prezzo superiore alla media (che Mutti riconosce agli agricoltori per l’acquisto del pomodoro migliore) e al premio finale: il Pomodorino d’Oro. Perché – come spiega Ugo Peruch, Direttore Servizio Agricolo – <<[…] Nonostante le grandi difficoltà che i coltivatori, nostri conferenti, hanno incontrato fin dalla preparazione dei letti di semina a marzo 2020 e i successivi trapianti, avvenuti tra aprile e giugno (in pieno lockdown), siamo comunque riusciti a fare un buon lavoro di squadra con le OP, le organizzazioni dei produttori agricoli, con cui collaboriamo a stretto contatto e pertanto a rispettare, a dispetto delle circostanze del tutto straordinarie, i programmi di produzione sui quali ci eravamo impegnati>>. Un lavoro che porta ancora una volta alla soddisfazione di tutti, dell’azienda, dell’agricoltore e…

Valore a tavola 

… Anche del consumatore, che può scegliere di dare valore ai propri piatti grazie a un pomodoro buono, sicuro, equo. Che è stato soggetto a un lungo processo di selezione, fin dalla semina, e di cura per la qualità. Che non è un semplice pomodoro: il Pomodorino d’Oro è percorso, ricerca, ostacoli superati, è fatica e responsabilità. Ciascuno può scegliere di ripercorrerne le tracce e sentire sul palato tutta l’autenticità del suo sapore e la genuinità delle cose buone della terra, fino a tavola: perché il valore è una scelta da condividere.

Questo è un contenuto pubblicitario a cura di Ciaopeople Studios, realizzato in linea con le necessità del brand
6.011 CONDIVISIONI
 
Fino al 2022 in Italia la disoccupazione sarà ai massimi livelli. Bisogna aiutare i più fragili.
Fino al 2022 in Italia la disoccupazione sarà ai massimi livelli. Bisogna aiutare i più fragili.
Global warming: luglio 2021 è stato il più caldo della storia. Ma possiamo ancora cambiare le cose
Global warming: luglio 2021 è stato il più caldo della storia. Ma possiamo ancora cambiare le cose
Il pomodoro italiano è il più famoso al mondo. E c'è chi premia l'eccellenza
Il pomodoro italiano è il più famoso al mondo. E c'è chi premia l'eccellenza
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni