6.383 CONDIVISIONI
Don Matteo 13
22 Marzo 2022
10:49

Terence Hill: “Non volevo lasciare Don Matteo ma fare 4 film anziché la serie, la Rai ha rifiutato”

Don Matteo 13 sta per arrivare in tv. La prima puntata andrà in onda giovedì 31 marzo. Terence Hill, che in questa edizione lascerà la tonaca del sacerdote in bicicletta, ha spiegato i motivi dell’addio.
A cura di Daniela Seclì
6.383 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Don Matteo 13

Don Matteo 13 sta per arrivare in tv. La nuova stagione della serie di Rai1 andrà in onda a partire da giovedì 31 marzo. Terence Hill si è raccontato su Tv, Sorrisi e Canzoni tornando a ribadire i motivi che lo hanno convinto a salutare il sacerdote in bicicletta. L'attore si trova attualmente a Malibù, dove sta trascorrendo un periodo di riposo ma anche di grande creatività, in compagnia della sua famiglia. È andato a trovare suo figlio a Natale e ha deciso di affittare una casa di legno sulla spiaggia:

"Rimarrò sicuramente ancora qualche mese. Poi tornerò in Italia. […] È una vacanza di riflessione in cui sto sviluppando alcune sceneggiature per dei progetti che vorrei realizzare. Poi, certo, ne approfitto anche per riposarmi e per fare qualche gita. […] Ho finalmente ritrovato la calma, la gioia di pensare e di apprezzare le cose. Prima il tempo fuggiva, ora non fugge più".

Perché Terence Hill ha detto addio a Don Matteo

Terence Hill è tornato a parlare dei motivi che lo hanno convinto a dire addio a Don Matteo. I tempi estenuanti del set, lo avevano portato ad accarezzare già da un po', l'idea di ridimensionare la mole di lavoro: "In realtà non volevo smettere di fare Don Matteo, avrei solo voluto farlo in maniera diversa perché i tempi del set erano molto impegnativi. Durante le riprese di questa ultima stagione, le giornate di lavoro erano lunghissime, dormivo cinque ore per notte. Bellissimo, per carità, ma anche stancante". Dunque, ha proposto di trasformare il modo di raccontare Don Matteo, passando da una serie in dieci puntate a quattro film, come avviene con il Commissario Montalbano: "Avevo proposto di fare quattro film all’anno, sul modello del Commissario Montalbano. Purtroppo la mia idea non è stata accettata dalla Rai che, per ottimizzare i costi, ha bisogno della serie lunga".

Terence Hill non si è pentito della sua scelta

Cinque mesi dopo avere smesso la tonaca di Don Matteo, Terence Hill è ancora convinto della sua decisione: "Al personaggio non avrei potuto dare altro. Tutte le cose hanno un inizio e hanno una fine, ed è giusto così". Inoltre, ritiene che con Raoul Bova, la serie sia in ottime mani. Ha concluso precisando che non sarebbe stato contrario se avessero affidato il personaggio di Don Matteo a Bova, anziché chiamarlo Don Massimo:

"Accade anche con l’agente 007 che è sempre James Bond a prescindere da chi lo interpreta. Io mi chiamo Terence, è il personaggio a chiamarsi Matteo. […] Ho portato via la tonaca di Don Matteo. Tornare per un cameo? Perché no".

 
6.383 CONDIVISIONI
20 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni