video suggerito
video suggerito

Costantino Vitagliano: “Guadagnavo 10mila euro per un’ora di serata. Mai stato ai piedi di Lele Mora”

Alla soglia dei suoi 50 anni, Costantino Vitagliano ha ripercorso la sua carriera e parlato del presente: dagli anni d’oro da tronista a Uomini e Donne, in cui guadagnava 10mila euro per un’ora di serata e in cui si sentiva “il più bello di tutti”, passando per il rapporto con il suo agente Lele Mora.
A cura di Elisabetta Murina
1.490 CONDIVISIONI
Immagine

Il prossimo 10 giugno Costantino Vitalgiano compirà 50 anni. L'ex tronista di Uomini e Donne, uno dei personaggi più amati nelle prime edizione del dating show, ha tracciato un bilancio della sua vita alla soglia di un traguardo così importante. Qualche mese fa gli è stata diagnosticata una malattia autoimmune, per la quale si sta sottoponendo a una serie di cure, che sembrano procedere per il verso giusto.

Il successo di Costatino Vitagliano nei primi Anni Duemila

Nato e cresciuto nelle case popolari di Calvairate (Milano), Costantino Vitagliano  può essere considerato ‘il tronista' per eccellenza di Uomini e Donne, nei primi anni del programma di Maria De Filippi. All'epoca, era il 2003, si era conquistato la fama di ‘bello e dannato' e le ospitate erano all'ordine del giorno. "Negli anni d'oro ho guadagnato tanto, non riuscirei a quantificare. A un certo punto le richieste erano troppe, l'agenzia per limitare le serate ha alzato il cachet al massimo andando oltre i 10mila euro per un'ora. Adesso le ospitate non si fanno più in discoteca: ci sono gli eventi nei negozi, nei centri commerciali", ha raccontato in una lunga intervista al Corriere della Sera a proposito del suo passato.

Immagine

Oggi la situazione è diversa, anche se ammette che il suo lavoro è quello di prima, pur con un ‘prezzo' minore: "Oggi avere Costantino a un evento costa molto meno di allora. Duemila euro più le spese per 90 minuti. Però posso scegliere". Vitagliano valuta infatti se e quando partecipare a un evento: "L’altro giorno mi contattano per presenziare a un aperitivo a 700 chilometri da Milano, proponendo 500 euro. Replico: scusate, no. Risposta: altri lo fanno! Allora chiedetelo agli altri… Se non mi pagano non vado". 

"Sognavo di essere il più bello e ce l'ho fatta"

"Non il calciatore, non altro: erano gli anni 90 e volevo essere solo e soltanto il più bello di tutti. Per un periodo ce l’ho fatta". Era questo il sogno di Costantino Vitagliano che, per un periodo della sua vita, è riuscito a realizzare. "Volevo fare un sacco di soldi", confessa oggi. La sua immagine era al centro del suo lavoro, anche se non si è mai sentito usato per questo: "Per costruirmi il fisico mi allenavo almeno due ore al giorno, seguivo diete drastiche: è impegno. Ero richiesto, mi sono gasato per anni. La gente mi cercava, arrivavo e via il delirio. Non mi sono mai sentito usato in senso negativo".

Immagine

Il rapporto con Lele Mora

Negli anni del successo, Vitalgiano ha lavorato insieme a Lele Mora, suo agente, con cui conserva ancora oggi un buon rapporto: "L'ho sentito poco tempo fa, quando si è saputo del mio problema di salute". Quando l'agenzia di Mora crollò, anche Vitagliano ebbe un momento difficile, dal quale però si riprese subito anche grazie agli investimenti:

Nell’immaginario collettivo sono io quello ai piedi di Lele Mora nelle foto ammiccanti: fake. Io e Lele Mora abbiamo lavorato insieme ma Costantino di piedi non ne ha mai baciati né massaggiati, mai. Né in senso letterale né metaforico. Io ho sistemato i miei conti con il fisco. Dieci anni fa mi chiedevo come mi sarei ripreso. Da re delle ospitate ero diventato “ospite non gradito”. Ho venduto proprietà, usato i guadagni. Non avete mai visto lacrime: gli investimenti mi hanno permesso di restare in piedi.

E sempre nel periodo del successo, l'ex tronista viveva a mille, lavorando sempre e senza staccare mai la spinga. Poi, nel 2007, un periodo buio: "Mi dava fastidio pure sentire il mio nome, guardarmi allo specchio. Un giorno sono svenuto tra gli spasmi. In verità erano attacchi di panico, un malessere che ancora non si comprendeva".

1.490 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views