Può capitare a tutti di rendersi conto di aver sbagliato a votare un partito piuttosto che un altro, ma a parte un po' di comprensibile amarezza e rabbia in genere non ci sono altre conseguenze: ben diverso quello che è accaduto in India dove un uomo dopo aver espresso una preferenza per una formazione politica sbagliata è arrivato a punirsi amputandosi un dito.

Pawan Kumar dopo la votazione si è marcato il dito con inchiostro indelebile, come accade in India per impedire che gli elettori votino più volte modificando l'esito della consultazione. L'uomo, però, evidentemente ha sbagliato così tanto ad esprimere la sua preferenza che pohi minuti dopo ha girato un video – che ha fatto il giro del web – in cui ha mostrato il suo dito indice sinistro avvolto in una vistosa fasciatura, dimostrando di essersi amputato un dito.

Stando a quanto riportato dai media britannici, Pawan Kumar  ha fatto confusione fra i simboli che rappresentano ciascun partito e per sbaglio ha selezionato quello del Bharatiya Janata Party (BJP), il partito del primo ministro Narendra Modi. Intervistato dai giornalisti, Kumar ha dichiarato che voleva selezionare il simbolo dell’elefante – cioè quello del partito regionale Bahujan Samaj (BSP), avversario del BJP – ma sulla macchina elettorale elettronica (EVM) ha erroneamente pigiato il pulsante del fiore del loto, appunto quello associato al partito di Modi.  Secondo l’Hindustan Times, Kumar era andato alle urne insieme al fratello e, dopo essersi accorto dell’errore, in uno scatto di rabbia si è amputato l’estremità dell’indice: l’uomo è stato poi trasportato in ospedale.