55 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
News su migranti e sbarchi in Italia

Una motovedetta libica ha sparato in acqua durante un soccorso della Mare Jonio, denuncia Mediterranea

“I miliziani libici hanno sparato colpi d’arma da fuoco in acqua e in aria, creando il panico e provocando la caduta in acqua di diverse persone”, ha denunciato sui social la Ong Mediterranea Saving Humans, lanciando un appello al governo affinché intervenga immediatamente per fermarli.
A cura di Annalisa Girardi
55 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

La Mare Jonio è partita ieri sera verso il Mediterraneo centrale, per una missione di monitoraggio e soccorso. E proprio mentre stava effettuando un'operazione, dopo aver avvistato un barchino in difficoltà in acque internazionali, è stata avvicinata da una motovedetta della cosiddetta guardia costiera libica, che è intervenuta violentemente e ha creato il panico: i militari libici hanno iniziato a sparare per aria e in acqua, facendo cadere in mare diverse persone. Lo denuncia la Ong Mediterranea Saving Humans sui suoi canali social, facendo sapere che l'equipaggio sta recuperando e fornendo protezione ai naufraghi e chiedendo al governo italiano di intervenire immediatamente.

"Una motovedetta della cosiddetta guardia costiera libica è intervenuta violentemente pochi minuti fa proprio mentre la Mare Jonio stava soccorrendo un'imbarcazione in pericolo in acque internazionali. I miliziani libici  hanno sparato colpi d'arma da fuoco in acqua e in aria, creando il panico e provocando la caduta in acqua di diverse persone. Il team della Mare Jonio sta recuperando e proteggendo i naufraghi", ha scritto la Ong su X.

In una nota ha poi precisato: "Hanno sparato attorno ai nostri rhib, provocando il panico tra le persone che stavano per essere soccorse e che hanno cominciato a buttarsi in acqua. Diversi sono stati soccorsi dal nostro equipaggio e purtroppo altri sono stati catturati dai libici. Adesso sia l'equipaggio che le oltre 50 persone soccorse sono a bordo della Mare Jonio e al sicuro. Stiamo cercando di capire con loro se ci sono dispersi".

Per poi lanciare un appello al governo italiano, perché intervenga per fermare i militari libici: "Chiediamo che il governo italiano intervenga subito per fermare i comportamenti violenti, pericolosi e criminali della cosiddetta guardia costiera libica".

Anche il deputato dell'Alleanza Verdi e Sinistra Nicola Fratoianni ha commentato l'accaduto: "È un comportamento criminale sparare nel Mediterraneo centrale contro navi Ong che salvano vite, creando panico mentre è in corso un’operazione di salvataggio, mettendo a rischio l’esistenza di esseri umani.È quello che è accaduto poco fa nei confronti di una nave battente bandiera italiana, la Mare Jonio di Mediterranea, per responsabilità di un equipaggio della cosiddetta Guardia Costiera libica, sostenuta, armata e finanziata dal governo italiano. Un fatto di una gravità inaudita".

Per poi aggiungere: "I ministri Piantedosi, Tajani e Crosetto li fermino. Ora. E poi vengano in Parlamento a spiegare quanto accaduto, si inpegnino affinché questo comportamenti da pirati non si ripetano, e decidano una buona volta di non finanziare più queste milizie pericolose, e la smettano di regalargli motovedette con cui sparano addosso alle persone".

Si tratta della sedicesima missione per la Mare Jonio. Pochi giorni fa ne aveva conclusa un'altra, facendo sbarcare a Pozzallo 113 naufraghi. Alla partenza il capomissione a bordo Denny Castiglione ha sottolineato che "la cosiddetta ‘zona Sar libica', dove ci stiamo dirigendo, è la zona di mare dove avvengono, per decisione politica dei governi italiani ed europei, le violazioni sistematiche dei diritti umani che da inizio anno hanno causato numerosi naufragi e quasi 400 vittime accertate, senza contare le persone disperse e i ‘naufragi-fantasma' di cui non sappiamo nulla".

Castiglione aveva anche sottolineato come le milizie libiche pattugliassero queste zone proprio con il compito di "catturare e deportare chi tenta di fuggire dai lager".

55 CONDIVISIONI
856 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views