294 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
News su migranti e sbarchi in Italia

Nel Mediterraneo sono morti annegati altri 61 migranti che erano su una barca sommersa dalle onde

Un’altra tragedia nel Mediterraneo: Oim e Frontex hanno confermato il naufragio avvenuto al largo della Libia, in cui hanno perso la vita 61 persone.
A cura di Annalisa Cangemi
294 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Sono almeno 61 i morti dei circa 86 migranti che erano a bordo di una barca al largo delle coste libiche, stando alle cifre fornite dall'Organizzazione internazionale per le migrazioni. L'imbarcazione si è capovolta ed è affondata, e Frontex, l'agenzia europea di controllo delle frontiere, ha precisato che quando il suo aereo è giunto nella zona, in acque internazionali, "ha individuato un gommone parzialmente sgonfio. La maggior parte delle persone sono state trovate in acqua. Erano in grave pericolo a causa delle condizioni meteorologiche avverse, con onde che raggiungevano altezze di 2,5 metri". Frontex ha anche fatto sapere di essere stata allertata dal centro italiano per il coordinamento dei soccorsi.

Si ritiene che la tragedia sia stata provocata da onde alte causate da un forte temporale, che hanno sommerso l'imbarcazione partita due giorni prima del naufragio da Zuwara, sulla costa nordoccidentale della Libia. L'Oim ha confermato che 25 migranti sono stati salvati e trasferiti in un centro di detenzione libico. Tutti hanno ricevuto assistenza medica dal personale dell'Oim in Libia e sono in buone condizioni. Secondo alcuni sopravvissuti, i migranti, tra cui donne e bambini, provenivano dalla Nigeria, dalla Gambia e da altri paesi africani.

La Ocean Viking, la nave della ong Sos Méditerranée, che a seguito di un salvataggio di 26 migranti deve dirigersi a Livorno, assegnato dalle autorità come porto di sbarco, era già fuori dall'area del caso specifico di ‘distress', secondo quanto apprende l'Adnkronos. Questa mattina all'alba, la Ocean Viking, che nelle scorse ore per via del mare in tempesta ha riparato sotto le coste siciliane, davanti a Sciacca, ha ripreso il largo alla volta di Livorno. Subito dopo l'assegnazione del porto, la ong Sos Méditerranée ha scritto su X: "Alla Ocean Viking è stato assegnato il lontano porto di Livorno per far sbarcare i 26 sopravvissuti. Si tratta di 620 miglia nautiche (1.000 chilometri) di navigazione e 8 giorni di viaggio tra andata e ritorno, durante i quali non potremo pattugliare il Mediterraneo Centrale".

Secondo l'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, la Libia e la Tunisia sono i principali punti di partenza per i migranti che rischiano pericolosi viaggi in mare nella speranza di raggiungere l'Europa, attraverso l'Italia. Quest'anno sono arrivati in Italia oltre 153.000 migranti provenienti dalla Tunisia e dalla Libia. Le Nazioni Unite hanno descritto la rotta migratoria del Mediterraneo centrale come la più mortale al mondo, mietendo centinaia di vittime ogni anno.

Flavio Di Giacomo, portavoce dell'OIM, ha ricordato sulla piattaforma social X che quest'anno sono morte oltre 2.250 persone sulla rotta dei migranti nel Mediterraneo centrale, un "cifra drammatica che dimostra che purtroppo non si sta facendo abbastanza per salvare vite umane in mare".

294 CONDIVISIONI
847 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views