1.181 CONDIVISIONI
Coronavirus
22 Luglio 2021
18:38

Decreto Covid, le discoteche restano chiuse: non basta il green pass per la riapertura

Il governo ha deciso di tenere chiuse le discoteche per il momento. La ripartenza di queste attività non è contenuta nel nuovo decreto Covid, che verrà licenziato a breve. Il nuovo provvedimento, che entrerà in vigore dal prossimo 5 agosto, contiene anche un aggiornamento delle norme per l’uso del green pass.
A cura di Annalisa Cangemi
1.181 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Il governo ha stabilito che le discoteche non riapriranno. Nel nuovo decreto Covid, che verrà varato a breve e che sarà in vigore dal prossimo 5 agosto, non ci sarà una data per la ripartenza dei locali da ballo. Il governo ha comunicato alle Regioni l'intenzione di non riaprire adesso, spiegando però che l'esecutivo è al lavoro per dare ristori adeguati alla categoria.

Il Cts quasi un mese fa aveva suggerito al governo di far riaprire i locali all'aperto, richiedendo obbligatoriamente il green pass. Ma per la ripartenza di queste attività si dovrà aspettare ancora. La Lega però è intenzionata a battersi per la riapertura.

Le altre norme del nuovo decreto Covid

A cosa serve il green pass

Secondo quanto si apprende dunque dal prossimo 5 agosto sarà necessario il green pass per le consumazioni al tavolo in ristoranti e bar al chiuso. Il certificato verde non sarà invece necessario per consumare al bancone, anche se al chiuso.

Il green pass sarà richiesto anche in altri luoghi come teatri, cinema e palestre, spettacoli all'aperto ma anche per centri termali, piscine, fiere, congressi e concorsi. Non è stato inserito invece l'obbligo di vaccinazione per docenti, richiesto da quasi tutti i partiti, tranne Lega e Fratelli d'Italia.

La certificazione verde al momento non sarà richiesta per gli spostamenti in treno, aereo e autobus, ma il tema dovrebbe affrontato in un momento successivo e in presenza di nuovi dati, in vista della ripresa delle attività a settembre. Il governo sta anche valutando anche tamponi gratuiti o comunque a costo ridotto per gli under 18 e per le categorie impossibilitate a vaccinarsi.

Proroga stato d'emergenza

Nel provvedimento che il governo si appresta a varare ci sarà anche la proroga fino al prossimo 31 dicembre dello stato di emergenza, che sarebbe scaduto il 31 luglio.

Nuovi parametri per i colori delle Regioni

Nel decreto saranno fissati anche i nuovi criteri per definire i colori delle Regioni. Il passaggio dalla zona bianca a quella gialla ci sarà con una occupazione dei reparti ospedalieri del 15% e del 10% delle terapie intensive. La Lega chiederà però in Cdm di portare al 20% il limite per le terapie intensive. Con il 20% di terapie intensive occupate ci sarà il passaggio dalla zona gialla a quella arancione, mentre con le terapie al 30% si passerà in zona rossa. Il passaggio in zona arancione potrà avvenire anche con un'occupazione dei reparti ospedalieri del 30%, mentre per il passaggio a zona rossa tale livello è fissato al 40%.

1.181 CONDIVISIONI
27134 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni