Tra le varie proposte per far fronte all'emergenza del coronavirus previsto nel decreto Cura Italia c'è anche un bonus di 600 euro destinato ai nuclei familiari con minori fino ai 14 anni di età, da utilizzare per il servizio di babysitter a cui sempre più genitori devono far ricorso con le scuole chiuse fino al prossimo tre aprile. "Per l'anno 2020 è riconosciuta la corresponsione di un bonus di 600 euro ai nuclei familiari con figli minori fino a 12 anni di età per l'acquisto di servizi di babysitting per fare fronte agli oneri relativi alla sospensione dei servizi educativi per l’infanzia, di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65 e delle attività didattiche nelle scuole primarie e secondarie di primo grado", si legge nella bozza del decreto con cui il governo ha stanziato 25 miliardi di euro.

Nei giorni scorsi, la ministra per il Lavoro e per le politiche sociali, Nunzia Catalfo, ha parlato di ammortizzatori sociali e altre misure di tutele sia per le aziende che per le famiglie in difficoltà: e aveva appunto fatto riferimento sia a congedi parentali straordinari, sia ai famosi voucher babysitter, che dovrebbero dare un aiuto concreto nel disagio che le scuole chiuse stanno causando a molte famiglie. Ora, queste proposte sono state messe nero su bianco su una bozza del decreto di emergenza. Nel caso in cui i genitori appartengano alla categoria del personale sanitario, delle forze armate, della polizia e dei vigili del fuoco il bonus aumenta fino a 1.000 euro.

"La misura mira a supportare le famiglie in difficoltà che a causa della sospensione scolastica, la cui durata dipenderà dal decorso dello stato emergenziale, non possono attendere alla cura quotidiana dei figli", si legge nella proposta. La misura punta anche ad alleggerire il carico di impegno sui nonni, che in queste settimane di emergenza hanno pensato all'accudimento dei nipotini. Inoltre, le persone anziane risultano la categoria più a rischio a livello sanitario, ed è importante limitare i contatti di queste persone: il contagio potrebbe anche arrivare dai bambini, tra cui non si registrano molti casi di Sars-Cov-2, ma che possono comunque trasmetterlo alle altre persone.

tot. contagiati 105.792
31 marzo 2.107
tot. guariti 15.729
31 marzo 1.109
tot. deceduti 12.428
31 marzo 837