1.685 CONDIVISIONI
News sul reddito di cittadinanza 2023
5 Dicembre 2022
19:50

Ecco a voi la storia di un lavoratore e percettore del Reddito di cittadinanza

Il racconto di Gino, quarantenne napoletano, commesso in un negozio e percettore del Reddito di cittadinanza.
1.685 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News sul reddito di cittadinanza 2023

Gino, nella mail inviata a Fanpage.it, si presenta non senza una vena d'amara ironia tutta partenopea che sembra davvero l'incipit di un libro. «Sono un addetto vendita, o per i "comuni" titolari e chi entra in negozio, il commesso. Potrebbe anche andare bene se non fosse per il fatto che  avrei 40 anni d'età e 18 di esperienza, nonché fiumi di corsi di formazione sulla comunicazione mai riconosciuti. Ah sì, dimenticavo: sono di Napoli».

La storia di Gino è una delle tante che arrivano in queste settimane a Fanapage.it e raccontano fatica, scoramento e sogni infranti nel mondo del lavoro partenopeo, ma anche tanta paura per il futuro.

Perché non è vero che il Reddito di cittadinanza è appannaggio di «brutti, sporchi e cattivi», di parassiti che vogliono solo lucrare sulle spalle dello Stato, senza lavorare.

Basta leggere e rendersi conto. Gino è un percettore di Rdc. Molti non sanno che l'assegno è compatibile con lo svolgimento di attività lavorativa da parte di uno o più componenti il nucleo familiare, fatto salvo il mantenimento dei requisiti previsti. L'importo è ovviamente calcolato secondo il reddito:

Per il mio titolare sono inquadrato per 5 ore giornaliere, ma esco la mattina alle 8 e rientro a casa alle 20:30 circa (salvo scioperi dei trasporti), e mi pagano in base 980 euro mensili (però mi mette gli straordinari eh!).

Raggiungo fisso 1.200 euro al mese. Gli orari sono dalle 10 alle 14 e dalle 16 alle 20 (5 ore!?), più due o tre domeniche al mese complete, ma pagate a parte e con il recupero in settimana, ogni tanto qualche ora in più, ma lo chiede per favore, e casomai, «per favore» vuoi portare »questi» all' altro negozio? Ok, va bene.

Ho anche le ferie, due settimane in inverno, da fine gennaio a fine marzo, «non più avanti che poi ricomincia il lavoro». Ed una il mese di agosto, la settimana di Ferragosto, a «Napoli ci sono i turisti, se ce li perdiamo dopo come paghiamo gli stipendi?».

Gino nella sua lunga mail al nostro giornale, riporta una conversazione-tipo col suo capo:

– «Scusi capo, domani mia figlia piccola, ha una gara di ginnastica, mi concede un paio d' ore?»
– «E che lasciamo i negozi chiusi per una gara di ginnastica di una bambina di 5/7 anni?»

La sua non è una storia di povertà estrema e proprio qui sta il punto: crescere due figli dignitosamente costa. E qualsiasi genitore punta a dare il meglio alla sua famiglia. È normale, è giusto, non può non essere così:

Percepisco il reddito di cittadinanza, ne farei volentieri a meno. ma a nessuno viene in mente di venire a controllare come faccio a pagare 550€ di affitto,50€ di condominio,200€ più o meno di bollette (ora ho vari bonus, ma finiranno,),50€ di palestra alla piccola e 40€ calcetto al più grande, ah sì, ho due figli, con le relative richieste …

Sono un "commesso" napoletano, capace, formato, amante del proprio lavoro e dei propri figli, ma al quale non spetta dare e ricevere soddisfazione.

Ringrazierei "il" (chella ce tene!) Presidente del Consiglio per il congedo parentale all' 80% e per l' abolizione dell'RdC, ma ora che mi levano l' integrazione, mi manda qualcuno a controllare come affronterò le mie spese?

Sa, c'è un mio "conoscente" che mi ha offerto 2/300 euro a settimana per fargli delle "consegne" dalle 22 a mezzanotte… sembra interessante, cosa faccio, accetto? Saluti da un percettore di reddito ancora onesto.

Dunque il discorso è molto più ampio: non c'è soltanto il sostegno al reddito per i non abbienti, c'è anche la legittima aspirazione ad un equo compenso e ad una vita familiare il più possibile "normale". Un tema che si preannuncia centrale anche nel 2023.

1.685 CONDIVISIONI
406 contenuti su questa storia
Reddito di cittadinanza: a Napoli il doppio dei percettori della Lombardia
Reddito di cittadinanza: a Napoli il doppio dei percettori della Lombardia
Il reddito di cittadinanza ha aiutato 1,7 milioni di famiglie nel 2022 ed è costato 8 miliardi di euro
Il reddito di cittadinanza ha aiutato 1,7 milioni di famiglie nel 2022 ed è costato 8 miliardi di euro
Cosa bisogna fare entro il 31 gennaio per non perdere il reddito di cittadinanza nel 2023
Cosa bisogna fare entro il 31 gennaio per non perdere il reddito di cittadinanza nel 2023
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni