24 Novembre 2022
20:02

Denunciò racket dei clan, soldi negati all’imprenditore sotto scorta: richiesta presentata in ritardo

L’imprenditore, vittima di estorsione, denunciò i clan dell’Alleanza di Secondigliano: l’associazione antiracket a cui si è rivolto ha presentato la richiesta di risarcimento oltre i termini consentiti.
A cura di Valerio Papadia

Rischia di concludersi nel peggiore dei modi la storia di un imprenditore napoletano – che vuole rimanere anonimo – che denunciò l'estorsione subita da parte di uno dei clan che compongono la cosiddetta Alleanza di Secondigliano e che, per questo, da quattro anni è sotto scorta: l'associazione antiracket a cui l'uomo si è rivolto ha presentato la richiesta al di fuori dei termini consentiti e quindi, per ora, all'imprenditore vengono negati gli aiuti economici previsti in questi casi.

L'imprenditore picchiato mentre il figlio veniva minacciato con una pistola

I fatti denunciati poi dall'imprenditore fanno riferimento al 2012, dieci anni fa. Per l'acquisto di merce, l'uomo contrasse un debito di 75mila euro: i soldi da restituire, in poco tempo, si trasformarono in 150mila euro, pretesi dal clan a suon di botte, in uno scantinato, mentre il figlio dell'imprenditore veniva minacciato con le armi. Dopo la coraggiosa denuncia dell'uomo, vennero arrestate 9 persone; a causa di una dimenticanza dell'associazione a cui si rivolsero, padre e figlio non poterono costituirsi parte civile nel processo, azione propedeutica ad ottenere poi il risarcimento.

All'uomo riconosciuti 100mila euro in un altro processo, ma i soldi sono bloccati

L'imprenditore e suo figlio sono riusciti, però, a costituirsi parte civile in un secondo procedimento, quello partito dopo i 126 arresti effettuati nel 2019 tra le fila dell'Alleanza di Secondigliano. In questo caso, la Dda ha concesso una provvisionale di 100mila euro ciascuno a padre e figlio, soldi però momentaneamente bloccati dall'ente erogatore: gli aiuti negati ora rischiano di compromettere l'attività dell'uomo. "Abbiamo piena fiducia nelle Istituzioni e nella Magistratura e siamo convinti che alla fine la Giustizia trionferà" dichiarano i due.

Elena Ferraro, l'imprenditrice che denunciò Messina Denaro:
Elena Ferraro, l'imprenditrice che denunciò Messina Denaro:"Nomi eccellenti hanno coperto latitanza"
179.567 di Fanpage.it
Lorenzo Insigne porta calze della Befana ai piccoli pazienti dell'Ospedale Santobono di Napoli
Lorenzo Insigne porta calze della Befana ai piccoli pazienti dell'Ospedale Santobono di Napoli
Camorristi con il Reddito di cittadinanza: sequestrate decine di migliaia di euro nel Napoletano
Camorristi con il Reddito di cittadinanza: sequestrate decine di migliaia di euro nel Napoletano
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni