122 CONDIVISIONI
L'omicidio di Aldo Gioia ad Avellino
27 Ottobre 2021
15:45

Delitto di Aldo Gioia, inizia il processo per Elena e Giovanni: si va verso il rito abbreviato

Prima udienza del processo per la morte di Aldo Gioia, ucciso a coltellate da figlia e fidanzato lo scorso 24 aprile. Elena e Giovanni, che si sono accusati del delitto dopo un primo tentativo di sviare le indagini verso una rapina finita male, rischiano il massimo della pena. Il pm ha chiesto di procedere al giudizio immediato.
A cura di Giuseppe Cozzolino
122 CONDIVISIONI
Elena Gioia e Giovanni Limata.
Elena Gioia e Giovanni Limata.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio di Aldo Gioia ad Avellino

È iniziato il processo ad Elena Gioia e Giovanni Limata, i due giovani avellinesi che devono rispondere dell'omicidio di Aldo Gioia, il padre di lei. Un delitto efferato che aveva sconvolto Avellino e per il quale i due giovani, dopo un iniziale tentativo di sviare le indagini, hanno ammesso. Le prove contro di loro appaiono schiaccianti: si va verso la richiesta di rito abbreviato, come richiesto dal pm Vincenzo Russo, ma prima ci saranno le perizie psichiatriche per i due giovani fidanzati. Intanto quest'oggi i due fratelli della vittima, Gaetano e Giancarlo, hanno deciso di costituirsi come parte civile nel processo.

Aldo Gioia
Aldo Gioia

Il delitto avvenne nella notte tra il 23 ed il 24 aprile scorsi, quando i due hanno messo in piedi, come hanno confessato, il loro piano che è emerso poi anche nelle chat recuperate dagli inquirenti. Dovevano morire tutti: Aldo Gioia, la moglie Liana, l'altra figlia Emilia. Le due donne si sono salvate perché l'uomo ha urlato dopo aver subito il primo fendente, svegliandole. Sempre nelle chat recuperate ai due ragazzi emerge anche la pianificazione del piano, con Elena che scende per buttare la spazzatura lasciando la porta aperta e il fidanzato Giovanni che entra nel palazzo. Sempre Elena poi tornando su porta il cane in stanza per evitare che abbaiando li faccia scoprire, mentre lui raggiunge Aldo Gioia, disteso addormentato sul divano, colpendolo con 14 coltellate: l'uomo morirà in ospedale per le ferite riportate. Salta invece il piano di fuga pensato dai due fidanzati, visto che madre e sorella si sono salvate: si prova a parlare di una rapina finita male, ma la versione presenta forti lacune. Dopo poche ore le forze dell'ordine hanno già stretto il cerchio attorno a loro: Elena confessa, poco dopo viene raggiunto anche Giovanni che era tornato a casa sua a Cervinara e confessa a sua volta.

122 CONDIVISIONI
19 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni