Coronavirus
18 Giugno 2021
17:14

Campania in zona bianca Covid: cosa cambia da lunedì 21 giugno

La Campania in zona bianca, quella col minor numero di limitazioni, da lunedì 21 giugno, come ha deciso il ministro della Salute, Roberto Speranza, in base ai dati sull’andamento della pandemia di Coronavirus. Dal coprifuoco abolito alle attività che riaprono, ecco cosa cambia con l’ingresso della Campania in zona bianca.
A cura di Valerio Papadia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

A partire da lunedì 21 giugno, la Campania entra nella zona bianca Covid, quella considerata a più basso rischio e quindi con il minor numero di restrizioni: lo ha deciso, visto l'andamento della pandemia di Coronavirus in Campania, il ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha firmato l'apposita ordinanza. Dal coprifuoco, che viene abolito, alle attività commerciali, per le quali sono previste nuove riaperture, sono molte le norme anti-contagio che in Campania, con l'entrata nella zona bianca, cambiano.

Coprifuoco abolito in Campania zona bianca

La prima novità introdotta dalla zona bianca è l'abolizione del coprifuoco. Nelle regioni in zona bianca, e quindi anche in Campania, non c'è limite agli spostamenti, né limiti di orario per il rientro a casa, come vige invece ancora nelle regioni in zona gialla, dove il coprifuoco è fissato dalla mezzanotte fino alle 5 del mattino.

Riaprono i centri scommesse in Campania

L'abolizione del coprifuoco e dei limiti di orario alla circolazione cambia di conseguenza anche gli orari di apertura di bar e ristoranti, che possono rimanere aperti tutta la notte, così come è sempre consentito l'asporto e il delivery. Con la zona bianca, in Campania riaprono anche i centri scommesse, chiusi da otto mesi.

Le mascherine restano ancora obbligatorie

Quello che accomuna la zona bianca a quella gialla e a quella rossa è l'obbligo di indossare le mascherine, sia nei luoghi chiusi che all'aperto, che vige ancora in tutta Italia. Il tema è al centro, nelle ultime settimane, di grande dibattito, e il Governo pensa di eliminare l'obbligo dei dispositivi di protezione individuale all'aperto a partire dalla metà del mese di luglio, ma non ci sono ancora indicazioni precise in tal senso.

25849 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni